Castellamonte: a scuola ogni pasto costerà 50 centesimi in più. Scoppia la polemica sulla retroattività

Castellamonte

/

15/06/2016

CONDIVIDI

Il consigliere di minoranza Pasquale Mazza innesca la diatriba: l'aumento si pagherà da gennaio 2016. Il Comune sta pensando di ritirare la delibera

E’ diventato un caso che ha surriscaldato il clima politico castellamontese. E’ quello relativo alla decisione assunta dall’esecutivo guidato dal sindaco Paolo Mascheroni di aumentare la retta della mensa scolastica di 50 centesimi a pasto e, tra l’altro, con effetto retroattivo. La vicenda ha scatenato le ire del consigliere di opposizione Pasquale Mazza: prima le proteste dei genitori per ottenere l’ascensore alle scuole elementari, la mancata manutenzione dei plessi scolastici cittadini e adesso il ritocco retroattivo delle tariffe della mensa scolastica grazie a una delibera che applica l’aumento allo scorso mese di gennaio.

In questo modo, polemizza Pasquale Mazza, chi non paga sarebbe agevolato e chi paga lo fa due volte. La tensione è alle stelle. Tanto che l’amministrazione comunale sta valutando di compiere un passo indietro per evitare di rendere esecutivo un provvedimento che rischia di trasformarsi in un boomerang politico. Il vicesindaco Giovanni Maddio, che Mazza definisce l’assessore “occulto al Bilancio” butta acqua sul fuoco nel tentativo di soffocare sul nascere le polemiche. La giustificazione è un po’ tardiva: non  era intenzione dell’esecutivo fare in modo che il ritocco fosse retroattivo e adesso si sta valutando con l’ufficio ragioneria del comune se è possibile ritirare la delibera.

Il fatto è che le norme imposte dalla nuova legge finanziaria, spiega l’amministratore, in caso di aumenti, impongono agli enti locali di considerarli sull’anno solare e, di conseguenza, anziché applicare l’aumento a settembre come il Comune avrebbe voluto, si è stati costretti a farlo dal primo gennaio. Ammesso che la delibera possa essere annullata, i ragionieri del Comune dovranno fare i salti mortali per trovare tra le pieghe di bilancio i quindicimila euro preventivati dal rincaro dei pasti scolastici. Una cifra non certo iperbolica, ma che in questo periodo di vacche magre, non sarà facile recuperare se non rincarando le tariffe di latri servizi essenziali.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/11/2019

Caselle: malvivente ruba profumi al supermercato poi, fuggendo, urta con l’auto una guardia giurata

Rischia l’arresto per aver compiuto un furto, poi trasformatosi in rapina, per un bottino di 131 […]

leggi tutto...

21/11/2019

Ciriè: concessionaria abusiva in frazione Devesi. Multa da 10 mila euro al titolare. Auto sequestrate

L’autosalone era in attività ma dal punto di vista amministrativo non esisteva. Per questa ragione gli […]

leggi tutto...

21/11/2019

Favria: l’addio all’alpino “Meo” Castello spentosi all’età di 82 anni. Il ricordo di Giorgio Cortese

Si è spento all’età di 82 anni Marco Bartolomeo Castello (Meo). Cavaliere del lavoro, membro del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy