Castellamonte, sanzionata una ditta per abuso edilizio ma il Tar condanna il Comune

Castellamonte

/

13/09/2015

CONDIVIDI

L'Amministrazione aveva contestato alla ditta un lieve abbassamento dei soffitti. Per i giudici amministrativi non si tratta di abuso edilizio

L’altezza dei vani costruiti era di qualche centimetri inferiore a quella minima regolamentare di 2 metri e 70 centimetri, così com’era stato indicato nel progetto presentato nel 2006 in Comune per ottenere la licenza edilizia (successivamente corredata da varianti). Pochi centimetri di differenza che sono costati cari alla ditta “Costruzioni Industriali Srl” che ha realizzato a Castellamonte un edificio abitativo.

Per quella leggera difformità il Comune di Castellamonte aveva notificato nel 2008 al titolare della ditta edile una sanzione pecuniaria di 14mila 580 euro con la motivazione che le presunte opere abusive sarebbero state eseguite in parziale difformità dal permesso di costruire. La ditta aveva fatto ricorso al Tar. E il tribunale Amministrativo Regionale ha dato ragione alla società ricorrente annullando la sanzione amministrativa e condannando il Comune a pagare 2mila euro per le spese legali.

Per i giudici le lievi difformità non costituirebbero, nella fattispecie abuso edilizio. Il Comune non si è costituito in giudizio. L’abbassamento del soffitto a 2 e 415 millimetri si era reso necessario per nascondere alla vista le tubazioni del riscaldamento. Nella sentenza i giudici amministrativi hanno stabilito che «il ricorso è fondato. Lievi scostamenti rispetto alle misurazioni previste in progetto, i quali si presentino plausibili nell’ambito della tecnica costruttiva utilizzata, non possono considerarsi come difformità rispetto al titolo edilizio rilasciato”.

Leggi anche

27/01/2020

Assolto 47enne denunciato per evasione. Quando i carabinieri lo hanno cercato a casa dormiva

L’uomo si trovava agli arresti domiciliari per scontare una pena di sei mesi per ricettazione. Alle […]

leggi tutto...

27/01/2020

Agliè: Jlenia e Cristian sono i nuovi Conti di San Martino. Il Carnevale entra, adesso, nel vivo

Sono Jlenia Garofalo, 40 anni libera professionista e Cristian Trabucco di 30, imprenditore agricolo e autotrasportatore, […]

leggi tutto...

27/01/2020

Ozegna: violento scontro tra auto sulla “provinciale” 222. Feriti i conducenti delle vetture coinvolte

Due feriti e due auto semidistrutte: è il bilancio di un drammatico incidente stradale che ha […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy