Castellamonte: rinviato a giudizio l’uomo che tentò di violentare l’amica minorenne del figlio

Castellamonte

/

16/06/2016

CONDIVIDI

E' accaduto durante al Veglione di San Silvestro. La festa, per la fanciulla, si trasformò in un vero incubo al quale assistettero anche alcuni testimoni

Doveva essere un Capodanno allegro, foriero di gioia e serenità. E così è stato fino a quando il padrone di casa, padre del ragazzo che aveva invitato alcuni amici a casa per festeggiare la fine dell’anno, non ha molestato una ragazza minorenne, trasformando la festa in un incubo. L’uomo, un operaio di 47 anni, residente a Castellamonte, è stato accusato di violenza sessuale. Il Giudice per le Indagini Preliminari di Ivrea, Alessandro Scialabba, ha rinviato l’uomo a giudizio mentre la ragazza e i genitori si sono costituiti parte civile, assistiti dall’avvocato Luca Bruno di Torino.

L’imputato, difeso dall’avvocato Pio Coda, si è sempre proclamato innocente. L’episodio contestato ha avuto luogo nella notte tra il 31 dicembre 2013 e e il 1° gennaio 2014. Il figlio di V.I. 16 anni ha programmato una festa di fine anno con un gruppo di amici. I ragazzi sono tutti minori e, tra questi, si trova anche la ragazza che ha denunciato l’operaio. Al termine della cena, la fanciulla sta lavando i piatti in cucina quando l’uomo, stando al racconto riportato nella denuncia della presunta vittima, avrebbe iniziato a toccarle prima il seno, a palpeggiarla, tentando di baciarla. La ragazza si divincola, riesce a liberarsi, chiede spiegazioni.

L’uomo le risponde che era colpa sua se si stava comportando in quel modo. L’operaio non desiste e, per tutta notte, fino al termine della festa, tenta di ottenere un approccio sessuale con la fanciulla sedicenne. E, non pago, le avrebbe confessato, di fronte ad altri ragazzi il suo amore per lei. Il mattino seguente, ancora sotto l’effetto confusionale determinato dallo shock, la ragazzina trova il coraggio di confessare tutto ai genitori che, senza por tempo in mezzo, la conducono in caserma dai carabinieri e presentano denuncia.

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy