Castellamonte, proteste dei cittadini sulla raccolta dei rifiuti. Teknoservice: interverremo sulle criticità

Castellamonte

/

04/06/2016

CONDIVIDI

Alcuni giorni fa maggioranza e opposizione hanno incontrato la dirigenza della società che ha preso atto della situazione e ha promesso di risolvere le problematiche

Dopo le numerose lamentele dei cittadini e i continui solleciti dell’amministrazione comunale, la Teknoservice, la società con sede a Piossasco, che ha in appalto il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, ha ufficialmente annunciato che rivedrà l’erogazione del servizio. Una decisione che è stata assunta dall’azienda dopo un in incontro, avvenuto lo scorso 13 maggio, con l’amministrazione comunale castellamontese, alla quale hanno preso parte, oltre al sindaco Paolo Mascheroni, gran parte dell’esecutivo, il comandate della polizia municipale e i dirigenti dell’azienda, il consigliere del Pd Pasquale Mazza in rappresentanza delle forze politica di minoranza la consigliera comunale Roberta Bersano, che da tempo ha lasciato la maggioranza e ha costituito un gruppo indipendente.

Il nodo da sciogliere? Il fatto, come evidenzia Pasquale Mazza che gli utenti castellamontesi pagano una tariffa per la raccolta differenziata mentre, il realtà, questa non viene effettuata in alcune zone della città. Il Comune, quindi, continuerebbe a pagare le fatture alla Teknoservice nonostante le numerose segnalazioni di disservizi. E poi bisogna tenere conto del fatto, come ha sottolineato Roberta Bersano, che nelle frazioni, le caratteristiche del servizio sono diverse rispetto a quelle del concentrico. Qui le spazzatrici non si sarebbero mai viste e i residenti sono sovente costretti a munirsi di ramazze per ripulire le strade da uno spesso strato di foglie che costituiscono un pericolo per l’incolumità dei cittadini e, in particolar modo, degli anziani.

E pensare che il piano finanziario prevede che l’azienda dovrebbe effettuare una serie di servizi, come lo spazzamento manuale effettuato da tre operatori per 86 ore settimanali e lo spazzamento effettuato con l’apposita macchina) che in prativa verrebbero effettuati di rado. Su queste problematiche i dirigenti della Teknoservice hanno formalmente promesso di intervenire per assicurare ai cittadini-utenti un servizio decisamente migliore e maggiormente capillare come prevede il capitolato d’appalto. Si vedrà.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/11/2019

Caselle: malvivente ruba profumi al supermercato poi, fuggendo, urta con l’auto una guardia giurata

Rischia l’arresto per aver compiuto un furto, poi trasformatosi in rapina, per un bottino di 131 […]

leggi tutto...

21/11/2019

Ciriè: concessionaria abusiva in frazione Devesi. Multa da 10 mila euro al titolare. Auto sequestrate

L’autosalone era in attività ma dal punto di vista amministrativo non esisteva. Per questa ragione gli […]

leggi tutto...

21/11/2019

Favria: l’addio all’alpino “Meo” Castello spentosi all’età di 82 anni. Il ricordo di Giorgio Cortese

Si è spento all’età di 82 anni Marco Bartolomeo Castello (Meo). Cavaliere del lavoro, membro del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy