Castellamonte: per i medici non sarebbero idonei al lavoro. La Teknoservice licenzia 29 dipendenti

Castellamonte

/

24/03/2016

CONDIVIDI

L'azienda di Piossasco ha avviato la procedura di licenziamento collettivo. I sindacati scendono sul piede di guerra e impugneranno il provvedimento

Non sarebbero più idonei a svolgere il lavoro di autista-raccoglitore. Ad affermarlo sono i medici al termine delle visite prescritte, hanno sentenziano un drammatico futuro per 29 dipendenti della Teknoservice, la società che è subentrata all’ex Asa nel servizio di di raccolta e smaltimento dei rifiuti nell’Alto Canavese. Sulla base del responso dei sanitari, l’Azienda ha avviato la procedura di licenziamento collettivo. A breve, quindi, 29 famiglie rimarranno senza stipendio. Una situazione a dir poco difficile, che ha creato dapprima costernazione poi disperazione nei dipendenti estromessi dall’attività lavorativa.

Nel dettaglio, i referti medici sono drastici: cinque dei dipendenti non sarebbero più in grado di svolgere la mansione loro assegnata mentre i restanti ventiquattro risulterebbero idonei, ma oggetto di pensati limitazioni. L’azienda, che ha sede a Piossasco chiarisce, dal canto suo, la vicenda: la mansione di autista-raccoglitore è di fondamentale importanza per lo svolgimento del servizio. La proposta avanzata dalla società è quindi quella di ricollocare quindici dei ventinove dipendenti che sono oggetto della proceduta di licenziamento. Il servizio deve essere eseguito al meglio e il personale – a giudizio dell’azienda – deve essere operativo al cento per cento.

Il prossimo 7 aprile le organizzazioni sindacali di categoria e i dirigenti dell’azienda si incontreranno per trovare una soluzione che possa soddisfare entrambe le parti in causa. Piero Grisolia della Cisl di Torino e del Canavese evidenzia il fatto che i lavoratori non siano stati visitati presso una struttura medica che ne abbia certificato le limitazioni. Niente allarmismi ma il sindacato è pronto a impugnare i licenziamenti. La Uil del Canavese, sull’argomento è decisamente più tranchant: il licenziamento collettivo è applicabile, a giudizio di Luca Cortese, in caso di crisi aziendale. La Uil chiederà il ritiro dei provvedimenti perchè semmai in discussione sono ben altri problemi: il ritardo nel pagamento degli stipendi e la mancata manutenzione dei mezzi. Un problema, quest’ultimo, di estrema gravità.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2018

Volpiano: tornano in piazza del Municipio le arance della salute” per combattere il cancro

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento nelle piazze con i volontari dell’Airc, l’associazione che finanzia […]

leggi tutto...

17/01/2018

San Maurizio: automobilisti troppo veloci. Velox nelle strade per la sicurezza dei pedoni

Gli automobilisti in disciplinati (e non sono pochi) scambiano le strade per il circuito di Formula […]

leggi tutto...

17/01/2018

Il commosso addio di Rivarolo al dottor Giovanni Provenzano, ex assessore della giunta Gaetano

E’ scomparso nella giornata di oggi, mercoledì 17 gennaio, dopo una lunga lotta con la malattia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy