Castellamonte: l’associazione dei non vedenti ha incontrato il sindaco Pasquale Mazza

08/02/2018

CONDIVIDI

L'associazione Retinopatici e Ipovedenti si è confrontata con il primo cittadino: nel colloqui sono stati affrontati i problemi che assillano i disabili visivi

Trasporti, abbattimento delle barriere architettoniche sensoriali, l’importanza della riabilitazione visiva, l’intervento dei servizi sociali: sono i temi affrontati dal sindaco di Castellamonte Pasquale Mazza nel corso dell’incontro che ha avuto luogo mercoledì 7 febbraio a Palazzo Antonelli, sede del municipio cittadino, con Marco Bongi, presidente dell’Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti (Apri Onlus), la dottoressa Sonia Allegro, coordinatrice del Centro di Riabilitazione Visiva del’Asl To4 e Debora Bocchiarso, diretrice del periodico “Occhi Aperti”. Il colloquio ha messo in evidenza quali sono i termini del disagio percepito dagli ipovedenti, chiedendo interventi che aiutino i disabili a migliorare la propria qualità della vita.

L’associazione ha anche consegnato al primo cittaddino una richiesta formale che rigurda l’initolazione di una via o di un giardino al grande educatore francese Louis Braille che invento l’afabeto tattile utilizzato da oltre un secolo dai disabili visivi di tutto il mondo. Su questo punto il sindaco di Castellamonte Pasquale Mazza si è dichiarato ottimista in virtù del fatto che a breve l’amministraziojne comunale dovrù apportare alcune modifica alla toponomastiva del concentrico e delle frazioni.

“Abbiamo trovato una persona molto attenta e sensibile” – ha commentato il presidente Marco Bongi – “Speriamo di poter avviare una proficua collaborazione nel prossimo futuro. Per noi è importante contattare i disabili visivi che vivono in provincia, spesso isolati e poco informati sulle opportunità esistenti sul territorio”.

Dov'è successo?

Leggi anche

23/02/2018

Chivasso/Settimo: la crisi Trony spaventa i dipendenti dei punti vendita. A rischio 60 posti di lavoro

Lo spettro della chiusura non fa dormire di notte i dipendenti di alcuni punti vendita della […]

leggi tutto...

23/02/2018

Cuorgnè: 1.500 pazienti rimangono senza medico di famiglia. Un sostituto tampona l’emergenza

Una soluzione provvisoria destinata a tamponare l’emergenza che si è venuta a creare a Cuorgnè dove […]

leggi tutto...

23/02/2018

Rivarolo Canavese: torna la rassegna Unavoltalmese (quasi). Va in scena il teatro di narrazione

Torna Una voltalmese (quasi), un appuntamento fisso, il rendez-vous teatrale mensile proposto da Faber Teater per […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy