Castellamonte: la sala insegnanti della scuola media “Cresto” porterà il nome di Gloria Rosboch

Castellamonte

/

27/05/2016

CONDIVIDI

L'intitolazione nella mattinata di mercoledì primo giugno, alla presenza delle autorità e degli studenti. Così il paese ricorda la vittima di un'inaudita crudeltà

Un gesto di rispetto, compiuto a perenne memoria di chi, suo malgrado, ha perso la vita per inseguire una sogno e per essersi fidata de un ex allievo che l’ha crudelmente aggirata e poi con ferocia l’ha uccisa. Gloria Rosboch aveva 49 anni. Laureata in lingue, da anni svolgeva il ruolo di insegnante di sostegno. Precaria da sempre, schiva, riservata, sognava una vita diversa che le è stata negata per sempre.

Dal primo giugno la sala insegnanti della scuola media castellamontese “Cresto” porterà il nome di Gloria Rosboch, l’ultima scuola che si trova a poche centinaia di metri dalla casa dove abitava, dove ha prestato servizio. Colleghi, suoi ex allievi, amministratori e concittadini avranno modo di ricordare ogni giorno questa piccola grande donna che, per combattuto chi l’aveva defraudata non solo dei 187 mila euro, ma che delle proprie più intime speranze ha perso la vita. A comunicare la notizia è stato, questa mattina, il dirigente del plesso scolastico, Ennio Rutigliano. La cerimonia di intitolazione avrà luogo nella mattinata di mercoledì 1° giugno alla quale parteciperanno i famiglia di Gloria Rosboch, i rappresentanti dell’amministrazione comunale, i colleghi della professoressa, l’arciprete don Angelo Bianchi, tutti gli allievi.

Nel corso della cerimonia, dopo aver piantumato una pianta nel giardino della scuola e apposta una targa in ceramica riportante il nome di Gloria accanto allo stipite della porta della sala insegnanti, sarà data lettura di alcune testimonianze di allievi e insegnanti che ricorderanno la figura di Gloria Rosboch. Quella vera, quella quotidiana, caratterizzata da una gentilezza e un’umiltà inusuali. Quell’animo semplice che l’ha condotta, suo malgrado, verso un destino tragico e che nessuno, in paese, dimenticherà facilmente.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy