Castellamonte: i ladri profanano la chiesa. Rubate le corone della Vergine e del Bambin Gesù

Castellamonte

/

10/01/2016

CONDIVIDI

Il "colpo" deve essere avvenuto al termine della messa celebrata nel tardo pomeriggio di ieri. Un bottino facile e di valore

Non c’è più religione, recita un vecchio adagio, quando ci si riferisce a situazioni particolarmente esecrabili. Non c’è neanche per i malviventi che prendono di mira le chiese per spogliarle degli arredi sacri, spesso in oro, che vengono rivenduti al mercato nero.

Ed è quello che è successo nella prima serata di ieri nella chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo che sorge nel cuore del centro storico della città. I ladri hanno preso di mira la statua della Vergine Maria e di Gesù Bambino che sul capo portano una corona d’oro. Un bottino allettante di cui entrare in possesso con pochi rischi. I carabinieri della Compagnia di Ivrea stanno indagando per chiarire la dinamica del furto. E’ molto probabile che gli ignoti malviventi si siano confusi tra la i fedeli e, quando il parroco, don Angelo Bianchi, terminata la funzione religiosa delle 18,00 ha chiuso il portone della chiesa parrocchiale, i ladri si siano fatti rinchiudere all’interno dell’edificio religioso per poter agire indisturbati.

E probabilmente così deve essere andata. Dopo essersi impadroniti delle due corone d’oro, del peso di circa un chilogrammo e mezzo, i malviventi si sono dileguati fuggendo da una porticina laterale che è stata ritrovata aperta, poche ore dopo, da alcuni volontari che hanno avvertito il parroco e i carabinieri. Il “colpo” deve essere stato studiato nei minimi dettagli. Le due corone che ornavano il capo della Madonna e di Gesù Bambino, erano state realizzate con le donazioni dei parrocchiani.

Le indagini potrebbero subire una svolta decisiva se le telecamere fatte installare dall’Amministrazione comunale nei pressi della chiesa avessero registrato la fuga e il volto dei malviventi.

Leggi anche

Ivrea

/

15/12/2017

Ex dipendente dell’Olivetti scompare nel nulla da anni. La procura accusa il fratello di averlo ucciso

La procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio di Salvatore Angemi, 55 anni, di […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea: dopo la grigliata dimentica un forchettone in macchina. Condannato a 1.500 euro di multa

Mille e cinquecento euro di multa: non per aver commesso violazioni al codice della strada ma […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea: un guasto tecnico blocca il servizio di emodinamica. I pazienti costretti a emigrare

Il gruppo di continuità che assicura l’erogazione di energia in caso di interruzione dell’erogazione di energia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy