Castellamonte, gli autovelox non perdonano. Neanche il parroco don Angelo Bianchi

Castellamonte

/

11/11/2015

CONDIVIDI

Dall'inizio dell'anno il Comune ha già incassato oltre ottantamila euro per gli eccessi di velocità

Gli autovelox a Castellamonte non perdonano. Ne sanno qualcosa coloro che, dall’inizio dell’anno, hanno già versato nella casse comunali 85 mila euro a causa dell’inveterata abitudine di non rispettare i limiti di velocità. E adesso lo sa anche don Angelo Bianchi, il parroco del paese al quale è stato recapitato un verbale da 90 euro per eccesso di velocità.

Il sacerdote si è giustificato dichiarando che non si era accorto dei velox e che era stato chiamato per un’emergenza in oratorio dovuta a un bimbo che si era fatto male. Giustificazioni tra l’altro riportate nel ricorso al prefetto di Torino. Ricorso che è stato respinto. Così, anziché pagare 80 euro il parroco ha dovuto sborsarne 180.

Don Angelo Bianchi l’ha presa con filosofia e d’altro canto non potrebbe fare altrimenti. Sono cose che capitano – ha sentenziato – evidentemente andavo troppo forte e, in fondo le multe quando arrivano bisogna pagarle. In ogni caso, dato per scontato che le norme del codice della strada vanno osservate, è un dato di fatto incontestabile che gli autovelox rappresentano per i comuni una manna caduta dal cielo, in tempi in cui lo Stato ha sottoposto gli enti locali a una drastica cura dimagrante.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/06/2018

Feletto: è viva e in buone condizioni di salute la giovane scomparsa durante il Rave Party

E’ viva e sta bene Frediana Girotti, 28 anni, la giovane residente a Monte San Giusto […]

leggi tutto...

17/06/2018

Giovane 28enne scompare durante il Rave Party tra Feletto e Lusigliè. Ricerche in corso

E’ scomparsa mentre si trovava, insieme ad altre centinia di giovani, molti dei quali identificati dagli […]

leggi tutto...

17/06/2018

Giallo a Pont Canavese: che fine ha fatto Elisa Gualandi? Nessuna traccia della donna scomparsa

Svanita, come se non fosse mai esistita. A distanza di due settimane dalla sua improvvisa e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy