Castellamonte: giovane si schianta in bici e finisce con la testa nell’inferriata. E’ grave al Cto

Castellamonte

/

25/05/2017

CONDIVIDI

Il giovane immigrato richiedente asilo stava viaggiano in sella a una bicicletta priva di freni. L'incidente in frazione Filia

Il ragazzo stava percorrendo in sella a una bicicletta un tratto di strada in discesa, quando è improvvisamente caduto incastrandosi con la testa nella cancellata di un’abitazione privata in frazione Filia a Castellamonte. E’ accaduto alle 13,00 di oggi, giovedì 25 maggio, in strada Crosa. Vittima dell’incidente è stato un giovane immigrato richiedente asilo ospitato da una cooperativa di Castellamonte. La bicicletta usata dal giovane era sprovvista di freni per cui il ragazzo non ha potuto frenare quando si è reso conto che in discesa la bicicletta stava acquistando troppa velocità. L’impatto con l’inferriata è stato violento, I soccorsi sono stati chiamati da alcuni automobilisti di passaggio.

Sul luogo è intervenuto il personale sanitario del 118 che, dopo stabilizzato le condizioni del ferito sul luogo dell’incidente lo ha successivamente trasportato al campo sportivo di Castellamonte dove è atterrata l’eliambulanza del 118. Sono stati i vigili del fuoco di Castellamonte a disincastrare la testa del giovane dall’inferriata. Il ferito è stato trasportato al Cto di Torino dove è stato sottoposto ad accurati esami clinici ed è stato ricoverato. Le sue condizioni sono gravi ma non sarebbe, al momento, in pericolo di vita.

I carabinieri stanno cercando di stabilire le cause che hanno fatto perdere a giovane il controllo della bicicletta, anche se usare una bicicletta priva di freni si è rivelata in ogni caso una grossa imprudenza.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy