Castellamonte: il consiglio comunale condanna l’impiccagione della statua di Padre Pio

Castellamonte

/

08/11/2017

CONDIVIDI

Lo spiacevole e vergognoso episodio che risale a oltre due settimane fa, è stato stigmatizzato da tutti i consiglieri comunali

Un atto grave e oltraggioso: così l’amministrazione comunale di Castellamonte ha stigmatizzato la posa ad opera di sconosciuti, di un cappio di corda intorno al collo della statua dedicata a Padre Pio situata nel parco giochi intitolato alla memoria di “Fabrio Marrone”. L’atto vandalico, se così si può definire, ha suscitato molto scalpore, in particolar modo sui social network, per l’offesa arrecata non soltanto a un santo particolarmente caro ai fedeli e a ciò che rappresenta, ma perchè offende, contestualmente la memoria di un illustre castellamontese al quale il parco pubblico è dedicato. In un comunicato l’amministrazione comunale rende noto il fatto che il Consiglio comunale condanna all’unanimità l’atto l’impiccagione della statua.

“A seguito dei vergognosi fatti verificatisi nei giorni scorsi, che hanno visto apporre un cappio sulla statua di Padre Pio situata nel parco giochi “Fabio Marrone”, nel centro abitato di Castellamonte e che questa Amministrazione ha prontamente fatto rimuovere, il Consiglio Comunale, all’unanimità condanna tutti i comportamenti volti a danneggiare il patrimonio comunale in generale e questo episodio in particolare, in quanto lede i valori religiosi fondanti di moltissime persone, nonché la memoria di un nostro concittadino che purtroppo non è più tra noi.
Chiediamo pertanto a tutti i cittadini di collaborare nel segnalare prontamente agli Uffici Comunali il verificarsi di eventuali deplorevoli atti che offendono la nostra Città”.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy