Castellamonte: coltivava marijuana in un terreno agricolo in frazione Spineto. Arrestato 35enne

Castellamonte

/

20/09/2018

CONDIVIDI

L’uomo è stato dichiarato in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti e si trova, su disposizione della Procura, agli arresti domiciliari

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Ivrea hanno arrestato in flagranza di reato D.D., 35enne di Pino Torinese. L’uomo è stato controllato da una gazzella del nucleo radiomobile alcune sere fa in frazione Spineto a Castellamonte a bordo di una utilitaria e trovato in possesso di due involucri contenenti marijuana per un peso complessivo di 8,4 grammi ed una busta contenente residui di hashish. I militari hanno quindi esteso la perquisizione anche alla sua abitazione, a Torino, dove hanno rinvenuto e sequestrato 110 grammi di hashish, 26 grammi di marijuana, un grinder, due barattoli di fertilizzanti e due confezioni di marijuana.

Immediati accertamenti sul conto del 35enne hanno consentito di scoprire, su un appezzamento di terreno sito in zona boschiva di frazione Spineto, a Castellamonte, una piccola piantagione di cannabis, costituita da cinque piante di altezza compresa tra i 100 e i 235 centimetri, tutte sottoposte a sequestro.

L’uomo è stato dichiarato in arresto per detenzione di sostanze stupefacenti e, su disposizione della Procura di Torino, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa della udienza di convalida.

Nei suoi confronti è scattata anche una denuncia in stato di libertà alla Procura di Ivrea per produzione di sostanze stupefacenti. L’arresto è stato convalidato dal Tribunale di Torino, che ha disposto la scarcerazione dell’arrestato.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy