Castellamonte: i carabinieri del Noe alla discarica di Vespia. Gli atti inviati alla Procura di Ivrea

Castellamonte

/

28/03/2017

CONDIVIDI

La documentazione relativa alle verifiche effettuate sono stati trasmessi all'autorità giudiziaria. Il consigliere comunale di minoranza Pasquale Mazza: "L'impianto va chiuso"

Saranno i carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico ((Noe) a verificare se nella giornata di domenica 26 marzo, la pioggia ha causato la fuoriuscita di percolato prodotto dalla decomposizione dei rifiuti nella discarica di Vespia, nei pressi della frazione Muriaglio. I carabinieri da lunedì mattina 27 marzo, stanno compiendo un’accurata verifica dei parametri ambientali con l’obiettivo di constatare se vi è stato inquinamento ambientale e, in caso affermativo, di quale portata. Le risultanze degli esami saranno trasmessi alla procura della Repubblica di Ivrea.

L’intervento dei carabinieri del Nucleo Ecologico fa seguito alle segnalazioni di alcuni residenti che proprio nella giornata di domenica avevano notato una presunta fuoriuscita di percolato dall’impianto di raccolta dei rifiuti. Il timore è sempre quello che i liquidi prodotti dalla decomposizione dei rifiuti possano, com’era successo negli anni scorsi, riversarsi nel vicino torrente Malesina. La discarica di Vespia, oggi gestita dalla società Agrigarden Ambiente Srl, versa in una delicata e complessa situazione. La ditta ha di fatto preso in carico un impianto per lo smaltimento dei rifiuti costruito su una ex cava di caolino sul versante di una collina e l’accesso alla discarica non è certo dei più agevoli.

Non è la prima volta che i carabinieri del Noe e i tecnici dell’Arpa (l’agenzia ambientale regionale) intervengono: nell’autunno dello scorso anno alla ditta erano stati prescritti, l’attivazione di una più articolata e funzionale rete di raccolta del percolato e del biogas, una maggiore copertura dei rifiuti e, infine, il rispetto della perimetro della discarica. Le opere prescritte pare che non fossero completate del tutto: nel corso di un successivo controllo era stata constatato che il sistema di contenimento del percolato non era sufficiente, in caso di piogge, a contenere il liquido tossico. Ed è quello che sembra sia accaduto nella giornata di domenica scorsa. Il consigliere comunale di minoranza Pasquale Mazza tuona: “Quella discarica va chiusa”.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/11/2019

Caselle: malvivente ruba profumi al supermercato poi, fuggendo, urta con l’auto una guardia giurata

Rischia l’arresto per aver compiuto un furto, poi trasformatosi in rapina, per un bottino di 131 […]

leggi tutto...

21/11/2019

Ciriè: concessionaria abusiva in frazione Devesi. Multa da 10 mila euro al titolare. Auto sequestrate

L’autosalone era in attività ma dal punto di vista amministrativo non esisteva. Per questa ragione gli […]

leggi tutto...

21/11/2019

Favria: l’addio all’alpino “Meo” Castello spentosi all’età di 82 anni. Il ricordo di Giorgio Cortese

Si è spento all’età di 82 anni Marco Bartolomeo Castello (Meo). Cavaliere del lavoro, membro del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy