Castellamonte, nell’ex ospedale la sede dell’associazione canavesana parkinsoniani

Castellamonte

/

07/03/2017

CONDIVIDI

L'azienda sanitaria canavesana ha ceduto in comodato gratuito alcuni locali al sodalizio che assiste pazienti e famiglie

La sede dell’Associazione Parkinsoniani del Canavese Onlus sarà ospitata in alcuni locali situati al primo piano dell’ex ospedale di Castellamonte. Lo ha deciso il General Manager dell’Azienda Sanitaria Lorenzo Ardissone per fare in modo che la solidarietà abbia il giusto spazio anche in un settore, come quello delle associazioni di volontariato che sostengono gli ammalati di questa patologia, che spesso non trova il giusto riscontro.

“Fin dall’inizio del nostro mandato abbiamo lavorato attivamente per creare alleanza con il territorio, perché la sinergia con le diverse realtà, in primis istituzionali come le Amministrazioni comunali, ma anche, per esempio, l’Associazionismo locale, permette di raggiungere obiettivi a favore della comunità non altrimenti raggiungibili – spiega il direttore generale dell’Asl To4 -. In questa logica si inserisce la nostra volontà di venire incontro alle necessità dell’Associazione Parkinsoniani del Canavese”.

All’Associazione Parkinsoniani del Canavese Onlus, che opera attualmente nel Nord del Canavese con l’intento di donare solidarietà e aiuto alle persone colpite dalla malattia di Parkinson e sostegno ai loro familiari, sono stati così assegnati in comodato d’uso gratuito due locali situati al primo piano del Presidio sanitario di Castellamonte.

“Ringraziamo il Direttore Generale dell’Asl T04 Lorenzo Ardissone – sottolinea il presidente dell’Associazione Parkinsoniani del Canavese Onlus, Silvano Chiartano – per la disponibilità dimostrata nei nostri confronti e ringraziamo per la sensibilità l’Assessore regionale alla Sanità dottor Saitta. La nostra Associazione non si sostituirà ai servizi sanitari resi dall’Azienda, ma li integrerà con attività rivolte a migliorare la qualità della vita dei malati di Parkinson e di coloro che se ne prendono cura”.

L’Associazione destinerà uno dei locali alle relazioni con tutti coloro che desiderino rivolgersi all’Associazione. L’altro locale sarà utilizzato per attività di riabilitazione delle persone affette dalla malattia di Parkinson, con particolare riferimento a coloro che hanno difficoltà ad accettare la malattia o che sono depressi a causa della malattia.

Dov'è successo?

Leggi anche

02/06/2020

Chivasso: entra in chiesa, danneggia un quadro e ruba calici in oro. Arrestato un senzatetto

Un senzatetto ha forzato la porta sul retro del Duomo di Santa Maria Collegiata di Chivasso […]

leggi tutto...

02/06/2020

Aeroporto di Caselle: le Compagnie EasyJet e Wizz Air attivano i collegamenti con Napoli e Tirana

Riprendono dal 1° luglio 2020 le operazioni di EasyJet dall’Aeroporto di Torino. La compagnia aerea torna […]

leggi tutto...

02/06/2020

Coronavirus Fase 2: il Piemonte riapre al resto d’Italia. Decade l’obbligo delle mascherine all’aperto

In apertura di una video conferenza stampa il presidente Alberto Cirio ha dichiarato che “il Piemonte […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy