Castellamonte: abbandonavano i sacchetti di rifiuti. Dovranno pagare 600 euro

Castellamonte

/

15/03/2016

CONDIVIDI

I cittadini incivili sono stati rintracciate grazie alle bollette delle utenze contenuti nei sacchetti controllati dalla polizia munipale

Buttare abusivamente i sacchetti della spazzatura nelle aree verdi e boschivi o ai margini delle strade, d’ora in poi costerà caro. Anzi, un noto professionista castellamontese dovrà mettere mano al portafoglio e pagare 600 euro di multa per non aver usato i regolamentari contenitori dell’immondizia. Gli agenti della polizia municipale, su disposizione dell’Amministrazione comunale, hanno iniziato l’opera di repressione nei confronti dei cittadini incivili che hanno la brutta e inveterata abitudine di abbandonare l’immondizia sui bordi della strada. L’azione delle guardie ecologiche sulle piazzole dell’ex statale 460 per conto della Città Metropolitana, sta facendo scuola.

Non è una delle più qualificanti attività investigative, ma aprire i sacchetti lanciati dalle auto in corsa, si rivela una preziosa miniera di informazioni. Ed è così che sono stati “beccati” due scaricatori abusivi che hanno scambiato, come tanti altri, la strada provinciale che conduce a Castelnuovo Nigra. A tradirli sono state le bollette delle utenze che riportavano tutti i dati anagrafici. A breve i trasgressori saranno convocati in municipio. Oltre a pagare la sanzione amministrativa dovranno ripulire a loro spese l’area dove sono stati rinvenuti i sacchetti abbandonati.

Il vicesindaco di Castellamonte è visibilmente soddisfatto. L’operazione “Castellamonte Pulita” sta già producendo visibili risultati. Ciò che stupisce è che si tratta di cittadini che probabilmente già pagano il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Forse è il malvezzo e il gusto della trasgressione a farla da padrone. Comunque sia, d’ora in poi sarà vita dura per chi trasgredisce alle regole. Uno dei due indisciplinati cittadini è residente a Castellamonte e l’altro a Colleretto Castelnuovo.

Ripulire il territorio dalle discariche abusive comporta per l’Amministrazione comunale costi aggiuntivi per centinaia di migliaia di euro l’anno a discapito di coloro che si comportano diligentemente. .

Dov'è successo?

Leggi anche

21/02/2020

Cuorgnè/Rivarolo: si scaldano i motori per l’atteso appuntamento con il “Ronde del Canavese”

Entra nella fase calda l’ormai consueto appuntamento che apre la stagione rallistica piemontese, il “Ronde del […]

leggi tutto...

21/02/2020

Ivrea: in 20mila al “Giovedì Grasso”. Una denuncia per guida in stato d’ebbrezza ed esercenti sanzionati

Si sono conclusi a tarda notte, con la partecipazione complessiva di oltre 20 mila giovani, i […]

leggi tutto...

21/02/2020

Riuscito l’intervento alla gamba del piccolo Loris negli Usa. Guarirà grazie al cuore dei canavesani

Adesso riposa, assistito dalla mamma e dal personale sanitario, nella sua stanza del “Paley Advanced Limb […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy