Castellamonte: a “Chi l’ha visto?” la misteriosa scomparsa dell’insegnante Gloria Rosboch

Castellamonte

/

27/01/2016

CONDIVIDI

Sei mesi prima la donna avrebbe consegnato 187 mila euro a un ex allievo che era poi stato denunciato. Che fine ha fatto la professoressa?

Il mistero che avvolge l’improvvisa e inspiegabile scomparsa della professoressa Gloria Rosboch, residente a Castellamonte, è approdato nella serata di oggi, mercoledì 27 gennaio, nella nota trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?” condotta su Rai3 da Federica Sciarelli. La donna, 49 anni, riservata, meticolosa e senza alcun apparente legame sentimentale, abitava con gli anziani genitori. Mercoledì 13 gennaio, il giorno in cui è scomparsa, era tornata a casa dalla scuola “Cresto”, dove ricopriva il ruolo di insegnante di sostegno per ragazzi diversamente abili, con venti minuti di ritardo. Dopo il pranzo esce di casa alle 14,45. “Ho una riunione a scuola alle 15,00 – dice alla madre -. Appena finisco, tra una mezzoretta, torno a casa”. La donna esce. A casa lascia soldi e documenti. Con sé porta soltanto il telefono cellulare. Una persona la incontra alle 15,00 in via Costantino Nigra a Castellamonte. Due parole, un saluto frettoloso e poi Gloria Rosboch prosegue per via Nigra. Da allora della donna non si hanno più notizie. Il telefonino squilla a vuoto. Nel corso del servizio televisivo si evidenzia il fatto che lo scorso anno la professoressa avrebbe stretto amicizia con un suo ex allievo. Il ragazzo le avrebbe prospettato un investimento più che fruttuoso in Costa Azzurra e formulato la promessa di un lavoro sicuro e di maggiore soddisfazione. La donna dapprima tentenna e poi cede.

Nella ricostruzione televisiva si pone l’accento sul fatto che la donna di reca in banca, preleva dal conto corrente ben 187 mila euro che ripone in una borsa che avrebbe consegnato al giovane. Da allora il ragazzo sarebbe sparito. Non risponde alle ripetute telefonate che l’insegnante effettua. Dopo aver trascorso un periodo tormentato, Gloria Rosboch presenta denuncia per truffa nei confronti di quel giovane così convincente. L’episodio sarebbe accaduto soltanto sei mesi prima della misteriosa sparizione della donna. Luisa More, l’anziana madre della professoressa di Castellamonte apre la casa al cronista e al cameraman: la stanza di Gloria Rosboch, di cui tutti, conoscenti e allievi parlano bene, è linda, ordinata con meticolosità. La donna è convinta che la figlia abbia fatto una brutta fine: “Fin da quando non ha più fatto ritorno a casa ho avuto una brutta sensazione – racconta tra le lacrime -. Se tornasse viva non m’importerebbe nulla di quei soldi”.

Il cronista ripercorre i punti salienti del giallo che circonda la scomparsa dell’insegnante. Perché Gloria Rosboch ha raccontato una bugia ai genitori? Quel pomeriggio nella scuola nella quale prestava servizio, non era stata convocata nessuna riunione. E per quale ragione quel giorno era tornata a casa, contrariamente alle sue abitudini, con venti minuti di ritardo? Chi aveva incontrato in quel breve lasso di tempo? L’opinione che i castellamontesi nutrono nei confronti di questo oscuro caso di cronaca, non è ottimista. Certo è che la procura di Ivrea ha dato ordine ai carabinieri, dopo un vertice, di continuare a cercare la donna anche al di  fuori del territorio urbano. L’inviato di “Chi l’ha visto” ha rintracciato il ragazzo al quale la professoressa aveva consegnato il denaro. Non abita più a Castellamonte, ma il giornalista lo ha ugualmente rintracciato. Il cancello dell’edificio in cui abita è rimasto chiuso: “Non sono tenuto a parlare con nessuno – ha detto il giovane al citofono -. Ho chiamato le autorità. Si dovrebbe vergognare di stare davanti alla mia porta”. Nella chiusa del servizio televisivo Federica Sciarelli ha replicato: “Se qualcuno si deve vergognare non siamo certo noi”. Questa mattina le ricerche sono riprese. Con quali risultati si saprà soltanto nei prossimi giorni.

Leggi anche

Canavese

/

22/10/2017

Canavese, niente pioggia ma arriva il vento: basterà a dissipare la pesante coltre di polveri sottili?

Non è piovuto come ci aspettava, ma una leggera brezza che soffia sul Canavese e sul […]

leggi tutto...

Chivasso

/

22/10/2017

Chivasso: i baby pusher spacciavano droga nei giardinetti pubblici in via Po. Minorenni nei guai

Che i giardinetti pubblici di via Po a Chivasso fossero anche ricettacolo di piccoli gruppi di […]

leggi tutto...

Venaria

/

22/10/2017

Venaria: perdono la partita per 14 a 0 e per vendicarsi aggrediscono gli avversari. 5 denunciati per lesioni

Sono stati tutti denunciati i cinque di giocatori di una squadra di calcetto, protagonisti di una […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy