Caso Rosboch: l’avvocato di Obert chiede di riprendere le ricerche della pistola di Gabriele

Ivrea

/

17/06/2016

CONDIVIDI

L'intenzione del legale Celere Spaziante è quello di isolare la posizione del suo assistito da quella di Gabriele Defilippi

All’appello manca ancora la pistola che Gabriele Defilippi avrebbe consegnato al maturo complice e amante Roberto Obert di Forno e che sarebbe stata seppellita da quest’ultimo nei boschi tra Rivara e Barbania. L’avvocato difensore di Roberto Obert, Celere Spaziante, ha richiesto ufficialmente alla procura di Ivrea di continuare le ricerche per ritrovare l’arma. La pistola non c’entra nulla con il delitto ma se fosse ritrovata (la rivoltella è stata cercata per giorni nei luoghi indicati dall’uomo, ma senza risultato) dimostrerebbe che tutto ciò che Obert ha raccontato fin dall’inizio agli inquirenti, corrisponderebbe alla realtà dei fatti. In questa macabra vicenda, tutti gli avvocati impegnati nella difesa di Gabriele Defilippi, di Roberto Obert, della madre di Gabriele Caterina Abbatista e della donna che si prestò a fare da telefonista, stanno giocando tutte le carte che hanno in mano.

L’obiettivo del legale che difende Roberto Obert, ex dipendente della Danone, è quello di isolare la posizione del suo assistito da quella di Gabriele Defilippi, adesso che le analisi compiute dai Ris avrebbero accreditato la tesi che fu il giovane ad assassinare materialmente la professoressa Gloria. Se la pistola fosse ritrovata assumerebbe un significato determinante per la difesa e cioè che Roberto Obert avrebbe sempre raccontato la verità (d’altro canto fu lui a far ritrovare il cadavere di Gloria Rosboch) anche quando sosteneva di non essere stato lui l’esecutore materiale dell’omicidio, come invece gli contestava Gabriele.

Ma l’avvocato Celere Spaziante vorrà probabilmente anche dimostrare quanto il suo assistito fosse succube della personalità forte, ammaliante e manipolatrice di Gabriele, il quale, nonostante la giovane età ha ampiamenti dimostrato di saper dominare tutti coloro che gli stavano intorno. Tutti elementi che potrebbero risultare de3cisivi in fase processuale per alleggerire, in qualche modo, il ruolo e la posizione, di Roberto Obert. E il possibile ritrovamento della rivoltella potrebbe costituire, in questo contesto, un elemento probante decisivo. Adesso si attende la decisione del procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/11/2019

Caselle: malvivente ruba profumi al supermercato poi, fuggendo, urta con l’auto una guardia giurata

Rischia l’arresto per aver compiuto un furto, poi trasformatosi in rapina, per un bottino di 131 […]

leggi tutto...

21/11/2019

Ciriè: concessionaria abusiva in frazione Devesi. Multa da 10 mila euro al titolare. Auto sequestrate

L’autosalone era in attività ma dal punto di vista amministrativo non esisteva. Per questa ragione gli […]

leggi tutto...

21/11/2019

Favria: l’addio all’alpino “Meo” Castello spentosi all’età di 82 anni. Il ricordo di Giorgio Cortese

Si è spento all’età di 82 anni Marco Bartolomeo Castello (Meo). Cavaliere del lavoro, membro del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy