Caselle: sono stati due nomadi a dare fuoco per vendetta al club per scambisti New Happy Days

Caselle

/

18/02/2017

CONDIVIDI

I due giovani avrebbero dato fuoco al locale perchè le consumazioni erano, a loro giudizio, "troppo care"

Non è occorso molto tempo ai carabinieri della Compagnia di Venaria per identificare gli autori dell’incendio doloso che ha distrutto il “New Happy Days”, il club privè più grande ed esclusivo d’Italia: si tratta di nomadi di etnia Sinti che avrebbero agito per vendicarsi delle consumazioni giudicate “troppo care”. L’incendio ha completamente distrutto, alle 13,30 di sabato 18 febbraio il locale per scambisti che sorge alla periferia di Caselle Torinese.

I due nomadi sono stati fermati da una “gazzella” di carabinieri poco meno di un’ora dopo che questi avevano appiccato le fiamme alla struttura. Gli uomini dell’Arma hanno anche sequestrato la tanica nella quale era contenuto il liquido infiammabile che sarebbe stato usato per innescare le fiamme. La vendetta, dunque, sarebbe stato il movente dell’atto doloso. Ma si tratta di una versione che i carabinieri della Compagnia intendono verificare per escludere altre motivazioni. I due fratelli sono stati arrestati.

Per domare il rogo i vigili del fuoco di Torino Stura e dei distaccamenti situati nel Canavese hanno lavorato a lungo. Di quello che era un club esclusivo dedicato allo scambio di coppia, non rimane che uno scheletro annerito dal fuoco e dal fumo.

Non è la prima volta che il circolo è oggetto di attentati: ad aprile del 2015 un principio d’incendio aveva rischiato di estendersi a tutto l’edificio.

Dov'è successo?

Leggi anche

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: nuovo sito web in Comune per facilitare il rapporto degli utenti con la pubblica amministrazione

Dal 13 dicembre è on line il nuovo sito web del Comune di Cuorgnè realizzato secondo […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea, niente sale sulle strade ghiacciate: un centinaio di persone finisce in pronto soccorso

Oltre un centinaio di persone sono transitate nella giornata di ieri, giovedì 14 dicembre, nel pronto […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/12/2017

Ex dipendente dell’Olivetti scompare nel nulla da anni. La procura accusa il fratello di averlo ucciso

La procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio di Salvatore Angemi, 55 anni, di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy