Caselle, si è tolto la vita il presunto aggressore della prostituta romena a Volpiano

Caselle

/

18/08/2015

CONDIVIDI

A trovare il corpo sarebbe stata la sorella dell'Uomo, un contadino di 38 anni che avrebbe deciso di suicidarsi convinto di aver ucciso la vittima

Svolta nel giallo di Volpiano: il presunto aggressore della prostituta romena che è stata ferita ieri a Volpiano con un’arma alla fronte e alla testa, si è tolto la vita nel cascinale agricolo a Caselle nel quale risiedeva. A ritrovare il corpo è stata la sorella nel tardo pomeriggio, presumibilmente poche ore dopo l’accaduto. Probabilmente, dopo aver colpito la donna, convinto di averla uccisa e in preda al rimorso, l’imprenditore agricolo di 38 anni si è recato in casa e si è suicidato impiccandosi.

La giovane è ancora ricoverata, in serie condizioni, all’ospedale Giovanni Bosco di Torino. Nonostante le ferite riportate, causate non da un’accetta come si era ipotizzato in un primo tempo, ma da una grossa chiave inglese, la donna è lucida e cosciente. Gli investigatori avevano appurato che conosceva bene il cliente abituale con il quale si era appartata nell’auto per consumare un rapporto sessuale.

Una brutta storia di cronaca, questa che ha visto protagonista una romena di 32 anni, trovata ferita e seminuda nel pomeriggio di ieri in un campo alla periferia di Volpiano, in una zona in cui sono presenti diverse prostitute. La vittima della brutale aggressione è stata ritrovata dai carabinieri di Chivasso, dopo la segnalazione di un passante, riversa esanime tra le sterpaglie dopo essere riuscita a sfuggire miracolosamente al suo aggressore.

Gli esami medici avrebbero stabilito che la donna sarebbe stata colpita almeno quattro volte con un’arma contundente. Con ogni probabilità la vittima dovrà essere sottoposta a un delicato intervento di chirurgia maxillo facciale. Resta ancora da chiarire il movente dell’aggressione.

Dov'è successo?

Leggi anche

San Francesco al Campo

/

10/12/2017

San Francesco al Campo: ritrovate vuote le casseforti rubate che contenevano le pistole della polizia locale

Le ricerche dei carabinieri hanno dato i loro frutti: le due casseforti blindate che nei giorni […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

10/12/2017

Castellamonte: le poesie della cuorgnatese Rosanna Frattaruolo aiuteranno i bimbi vittime di violenza

Nella serata di giovedì 7 dicembre presso la sala congressi Pietro Martinetti di Castellamonte, è stata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

10/12/2017

Cuorgnè: la sezione marinai ha commemorato sotto la neve i caduti periti sulle navi da guerra

Anche quest’anno la sezione cittadina dei Marinai di Cuorgnè ha voluto onorare i propri caduti: forse […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy