Caselle: sequestrato per un debito di 1.500 euro. Il padre paga e poi denuncia due giovani. Arrestati

Caselle

/

22/12/2018

CONDIVIDI

Un artigiano 48enne ha consegnato alcune centinaia di euro ai due rapitori per far rilasciare il ragazzo e poi si è rivolto ai carabinieri

Doveva 1.500 euro per un verosimile acquisto di sostanze stupefacenti e i creditori per recuperare il denaro dovuto, lo avevano addirittura sequestrato ma alla fine sono stati arrestati. E’ accaduto nei giorni scorsi a un giovane residente a San Maurizio Canavese, figlio di un artigiano 48enne. Nei guai sono finiti un giovane di 22 anni residente a Borgaro e un 18enne di San Maurizio Canavese: dovranno rispondere di estorsione in concorso, sequestro di persona a scopo di estorsione e detenzione abusiva di materiale eplodente.

A far scattare le manette ai polsi dei due “rapitori” in strada Aeroporto a Caselle, sono stati i carabinieri della tenenza di Ciriè e del nucleo operativo della Compagnia di Venaria Reale. Il giovane sequestrato è stato rilasciato soltanto quando il padre ha coinsegnato alla coppoia una porima tranche di 300 euro e promettendo di consegnarne altri 500 al più presto. Ma quando è giunto di effettuare il secondo pagamento al posto dell’artigiano si sono presentati i carabinieri. A denunciare i due malviventi è stato il padre del ragazzo sequestrato. Gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto nell’auto dei due sequestratori ben 28 petardi ‘Thunder’. Da qui la denuncia per detenzione abusiva di materiale esplodente.

Leggi anche

29/05/2020

Ivrea, grazie ad Eporadio in diretta l’aperitivo benefico esclusivo con la Mugnaia e il Generale

Un aperitivo esclusivo con Mugnaia, Generale e Sostituto: la maratona a Ivrea non si ferma, gli […]

leggi tutto...

29/05/2020

Il Governo stanzia 900 milioni per i Comuni. L’Uncem: “Finalmente un’azione positiva”

Il ministero dell’Interno ha disposto nelle scorse ore il pagamento a favore dei Comuni, Province e […]

leggi tutto...

29/05/2020

Coronavirus in Piemonte: 13 i decessi (2 nella giornata di oggi). 56 i nuovi casi. Crescono i guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che nella giornata di oggi, venerdì 29 maggio, i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy