Caselle, rubavano auto di lusso all’aeroporto e allo Juventus Stadium: il pm ha chiesto 27 rinvii a giudizio

Caselle

/

10/03/2017

CONDIVIDI

Alle indagini e all'operazione hanno preso parte anche le polizie di diversi Paesi. Quarantanove arresti in tutta Europa

Ventisette rinvii a giudizio: tanti ne ha chiesti il pubblico ministero della procura presso il tribunale di Torino nei confronti di altrettanti indagati dopo l’esecuzione dell’operazione denominata “Orso” eseguita dagli agenti della polizia stradale piemontese. Protagonisti della vicenda giudiziaria sono i presunti membri della banda (ramificata in diversi Paesi europei) specializzata nel furto di auto di lusso come Mercedes, Bmw e Land Rover, nei parcheggi dell’aeroporto internazionale “Sandro Pertini” di Caselle, dello scalo di Milano-Malpensa e nel grande parcheggio dello Juventus Stadium.

All’operazione, eseguita su scala europea, hanno partecipato anche gli organismi di polizia della Spagna, dell’Italia e del Belgio con il supporto dell’Europol ed Eurojust. L’organizzazione, perfettamente oliata, poteva contare sul supporto di diversi “ricettatori” incaricati di nascondere le auto di lusso in diversi box dislocati nella prima e seconda cintura di Torino.

Le indagini hanno consentito di accertare che il trasferimento di mezzi veniva effettuato da autisti-corrieri. Nel corso dell’operazione che ha consentito l’arresto di 49 persone in tutta Europa, gli agenti della Polstrada hanno sequestrato 40 autovetture. Il valore commerciale è stimanto in 3 milioni di euro.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

19/10/2018

Caselle: la Finanza sequestra un milione e mezzo di euro grazie al fiuto del cane “Escos”

Ammonta ad oltre un milione e mezzo di euro la valuta contante non dichiarata intercettata dalla […]

leggi tutto...

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy