Caselle: porta a riparare un fucile da caccia senza avere il porto d’armi. Anziano di 78 anni finisce nei guai

Caselle

/

25/10/2017

CONDIVIDI

E' stato durante un controllo effettuato sui registri di un armaiolo, che la polizia ha scoperto che l'uomo deteneva illegalmente l'arma, munizioni e polvere da sparo

A metterlo nei guai è stata l’insistenza nei confronti di un armaiolo per riparare un fucile da caccia che teneva in casa senza avere il porto d’armi. E’ nel corso di un controllo effettuato dagli agenti di polizia in servizio al commissario di Dora Vanchiglia a Torino che nel registro era stata registrata e successivamente annullata una riparazione. E così l’armaiolo ha raccontato agli agenti che alcuni giorni prima un pensionato di 78 anni di Caselle aveva molto insistito per riparare un fucile da caccia: l’anziano aveva il porto d’armi scaduto e l’armaiolo si era rifiutato di effettuare il lavoro.

La polizia ha compiuto i necessari accertamenti e ha scoperto che in realtà il fucile da caccia era di proprietà di un uomo di 48 anni residente a Cigliano in provincia di Vercelli mentre l’anziano non soltanto non aveva ottenuto il rinnovo del porto d’armi, ma gli era stato notificato un divieto di detenzione d’armi e munizioni emesso dal Prefetto di Torino.

Dopo un’accurata perquisizione compiuta nell’abitazione del pensionato a Caselle, gli agenti di polizia che stavano cercando il fucile hanno rinvenuto munizioni per fucile, bossoli, polvere da sparo. L’uomo ha poi confessato ai poliziotti che le canne del fucile da riparare si trovavano nell’officina del figlio che, però, è risultato essere all’oscuro di tutto.

Il pensionato di 78 anni è stato denunciato per detenzione di armi senza la necessaria autorizzazione e per non aver osservato il divieto prefettizio che non gli consentiva di custodire munizioni e materiale esplodente.Il vero proprietario dell’arma, il 48enne residente a Cigliano è stato denunciato per aver ceduto il fucile a una persona sprovvista di porto d’armi (il pensionato). La polizia ha sequestrato nella casa dell’uomo altri cinque fucili.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/10/2019

Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al […]

leggi tutto...

18/10/2019

Piemonte e Canavese: 35 milioni dal ministero dell’Ambiente contro il rischio idrogeologico

Sono quasi 35 i milioni di euro assegnati dal Ministero dell’Ambiente al Piemonte per la mitigazione […]

leggi tutto...

18/10/2019

Il Canavese al Rallylegend di S. Marino: l’equipaggio Diaco-Sparvieri conquista il 3° posto di classe

Successo canavesano al Rallylegend di San Marino. L’equipaggio canavesano Diaco-Sparvieri, firmato Team Fast Drivers, ha conseguito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy