Caselle: “Questo non è un Paese per Onesti”. Serata su drammatiche storie di imprenditori e criminalità

Caselle

/

14/02/2017

CONDIVIDI

Un appuntamento dedicato alla cultura della legalità e alle nefaste infiltrazioni della mafia nella società civile

storie di imprenditori e criminalità: l’evento, promosso e organizzato dall’associazione “Legalità Organizzata” avrà luogo venerdì 17 febbraio alle ore 21,00 presso la Sala “Fratelli Cervi” in via Mazzini a Caselle Torinese. L’obiettivo? Il tema dell’incontro la dice lunga sui contenuti: “Questo non un Paese per onesti” che proporrà all’uditorio una disamina cruda e reale sulle vessazioni che gli imprenditori devono subire a causa delle organizzazioni criminali che si infiltrano e si radicano sempre più nel tessuto sociale, politico, amministrativo e imprenditoriale.

Alla serata parteciperanno il deputato Davide Mattiello, il senatore Stefano Esposito, la deputata Francesca Bonomo e il consigliere regionale del Piemonte Antonio Ferrentino. Il programma prevede anche interventi di Pino Masciari, imprenditore e testimone di giustizia, l’architetto Mauro Esposito, imprenditore e testimone di giustizia al processo “San Michele” relativo alle infiltrazione della ‘ndrangheta nei cantieri della Val di Susa e dell’avvocato Valentina Sandroni.

Modererà l’incontro l’avvocato Roberto Catani, presidente dell’associazione “Legalità Organizzata”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea: un guasto tecnico blocca il servizio di emodinamica. I pazienti costretti a emigrare

Il gruppo di continuità che assicura l’erogazione di energia in caso di interruzione dell’erogazione di energia […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

15/12/2017

San Giorgio: da lunedì 18 la Media ospiterà gli alunni della scuola chiusa per il monossido di carbonio

Da lunedì 18 dicembre gli scolari della scuola elementare di San Giorgio Canavese, potranno tornare a […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: autobotti Smat prelevano dall’acquedotto per dissetare le Terre Alte in preda alla siccità

Il Canavese ha sete e da circa cinque mesi le autobotti della Smat prelevano l’acqua dall’acquedotto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy