Caselle: lo scalo “Pertini” aderisce al progetto “Autismo. In viaggio attraverso l’aeroporto”

Caselle

/

29/12/2018

CONDIVIDI

Il personale in servizio è in grado in grado di offrire un supporto qualificato nell’accogliere i passeggeri con autismo, facilitando gli accompagnatori nel far vivere con maggiore serenità il viaggio in aereo e garantendo così a passeggeri con autismo il pieno godimento del diritto alla mobilità

L’Aeroporto “Sandro Pertini” di Caselle aderisce al progetto denominato “Autismo – In viaggio attraverso l’aeroporto”, l’iniziativa ideata dall’Enac con la collaborazione di Assaeroporti, le associazioni di settore e le società di gestione aeroportuale per facilitare l’accesso in aeroporto e il viaggio in aereo per le persone con autismo.
Per queste persone, infatti, affrontare l’esperienza del volo può essere molto difficile: attraverso un percorso formativo specifico erogato da CPD – Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus con il coinvolgimento delle Associazioni locali Luce per l’Autismo, A.M.A. Asti e A.M.A. Torino, il personale aeroportuale dello scalo torinese è da oggi in grado di offrire un supporto qualificato nell’accogliere i passeggeri con autismo, facilitando gli accompagnatori nel far vivere con maggiore serenità il viaggio in aereo e garantendo così a passeggeri con autismo il pieno godimento del diritto alla mobilità.

Attraverso la pagina web dedicata www.aeroportoditorino.it/autismo è possibile consultare la “Storia Sociale” ovvero la descrizione degli ambienti e il racconto del percorso che i passeggeri si troveranno ad affrontare; una brochure informativa con ulteriori raccomandazioni rivolte agli accompagnatori; le istruzioni per organizzare una visita dell’aeroporto nei giorni prima del viaggio al fine di acquisire confidenza con l’ambiente e sperimentare le vari fasi della permanenza nello scalo.

Il Direttore Generale dell’Enac Alessio Quaranta ha dichiarato: “Un aspetto importante della qualità dei servizi di assistenza ai passeggeri è certamente quello di garantire l’accesso all’infrastruttura aeroportuale a tutti i cittadini. Per tale ragione l’adesione a questo progetto speciale riveste un’importanza sociale in quanto permette di accogliere adeguatamente le, persone affette dallo spettro autistico e i loro familiari e rendere possibile anche per loro l’esperienza del viaggio aereo. Accogliamo con soddisfazione lo spirito di partecipazione a questo progetto avviato nel 2015 e progressivamente adottato da quasi tutti i principali scali nazionali”.

L’Amministratore Delegato di Sagat Roberto Barbieri ha affermato: “Nell’Aeroporto di Torino tutti devono vedere riconosciuto il loro diritto alla mobilità e ad avere la migliore esperienza di viaggio possibile: per fare ciò siamo impegnati quotidianamente a dare il massimo delle nostre capacità lavorative e umane. Siamo felici di poter offrire alle persone con autismo e ai loro accompagnatori un supporto qualificato: l’adesione al progetto va appunto in questa direzione e attraverso il dialogo continuo con le associazioni e gli stakeholder continuiamo a migliorare i servizi offerti ai passeggeri”.

Leggi anche

16/11/2019

Incidente stradale in via Salassa a Oglianico. Nello scontro tra due auto ferita una 23enne di Strambino

Una ragazza di 23 anni è rimasta ferita in seguito a uno scontro tra due autovetture […]

leggi tutto...

16/11/2019

Ivrea, inaugurata in ospedale la “Stanza Aurora” dove si può partorire come a casa

Oggi, sabato 16 novembre, presso l’Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Ivrea, diretta dal dottor Fabrizio Bogliatto, […]

leggi tutto...

16/11/2019

La Regione favorevole al nuovo ospedale di Ivrea. La manutenzione di quello vecchio è troppo costoso

L’accordo stretto tra Stato e Regioni ha messo sul tavolo 150 milioni di euro per l’edilizia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy