Caselle, l’ex sindaco Giuseppe Marsaglia condannato con l’accusa di tentata concussione

Caselle

/

25/11/2015

CONDIVIDI

All'origine della vicenda giudiziaria la costruzione di una rotonda nei pressi un centro commerciale e una frase sospetta pronunciata dall'ex amministratore

L’accusa è di tentata concussione e per questo reato l’ex sindaco di Caselle Giuseppe Marsaglia è stato condannato in primo grado a una pena detentiva di un anno e quattro mesi. La sentenza è stata pronunciata questa mattina al tribunale di Torino. Il pubblico ministero Gianfranco Colace aveva richiesto una condanna a un anno e otto mesi di carcere. Secondo l’accusa l’ex cittadino di Caselle, all’epoca dei fatti assessore ai Lavori Pubblici durante l’amministrazione del sindaco Luca Baracco, avrebbe detto al titolare di un’azienda che aveva richiesto al Comune la costruzione di una rotonda per agevolare l’entrata e l’uscita dal centro commerciale, il rinnovo di due contratti di lavoro per favorire concittadini casellesi. Una delle conversazioni sarebbe stata registrata dal progettista della società di bricolage e conterrebbe una frase ritenuta sospetta. La conversazione è finita agli atti dell’inchiesta.

Il giudice, nel condannare l’ex amministratore ha accolto l’impianto accusatorio. Dopo la denuncia del prtofessionista, la Guardia di Finanza aveva sequestrato tutta la documentazione relativa alla realizzazione della rotatoria che avrebbe dovuto sorgere tra strada Grangiotti e la strada provinciale per Ciriè. Quando aveva ricevuto l’avviso di garanzia Giuseppe Marsaglia si era dimesso dalla carica di sindaco e si era avvalso del rito ordinario e non di quello abbreviato perché era convinto dei poter dimostrare la sua innocenza. L’ex amministratore continua proclamarsi estraneo ai fatti che gli vengono addebitati. Adesso, quando il giudice depositerà le motivazioni della sentenza, il legale di Marsaglia presenterà ricorso in Appello.

Leggi anche

17/06/2018

Feletto: è viva e in buone condizioni di salute la giovane scomparsa durante il Rave Party

E’ viva e sta bene Frediana Girotti, 28 anni, la giovane residente a Monte San Giusto […]

leggi tutto...

17/06/2018

Giovane 28enne scompare durante il Rave Party tra Feletto e Lusigliè. Ricerche in corso

E’ scomparsa mentre si trovava, insieme ad altre centinia di giovani, molti dei quali identificati dagli […]

leggi tutto...

17/06/2018

Giallo a Pont Canavese: che fine ha fatto Elisa Gualandi? Nessuna traccia della donna scomparsa

Svanita, come se non fosse mai esistita. A distanza di due settimane dalla sua improvvisa e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy