Carnevale di Ivrea, scelti gli sposi che daranno, il lunedì grasso, il primo colpo di “pich e pala”

Ivrea

/

21/01/2017

CONDIVIDI

Il rigido rispetto per il cerimoniale è uno dei punti cardine che caratterizzano la manifestazione carnascialesca eporediese

Pamela Tirassa e Simone Cossano per San Maurizio, Simona Cappadona e Luca Giuliano per Sant’Ulderico, Lara Francesio e Michele Chiaverina per San Lorenzo, Sara Capello e Davide Bottone per San Salvatore, Silvia Pozzo e Alberto Argiolas per San Grato. Sono queste le cinque coppie di sposi cui è affidato il compito di dare il primo colpo di “pich e pala” la mattina del Lunedì Grasso.

Secondo la tradizione, la mattina del Lunedì Grasso è la mattina delle Zappate: preceduto dai Pifferi e Tamburi e scortato dallo Stato Maggiore, il Generale accompagnato dall’ultima coppia di sposi dell’anno per ogni Rione, si reca sul luogo dove sarà innalzato lo Scarlo. Qui, il Sostituto Gran Cancelliere, usando un tamburo a mo’ di sgabello, dà lettura del verbale della cerimonia e gli sposi, con il piccone e la pala, danno ciascuno un colpo sul terreno nel punto destinato allo Scarlo, mentre tutti i presenti recitano in coro: “As pianta ‘l pic a l’uso antic”.
Felici e onorati, gli sposi sono consapevoli che partecipare al Carnevale in questo ruolo significa non solo rievocarne la passata memoria, ma soprattutto interpretarne nel modo migliore i valori.

Vivere, onorare e tramandare il Carnevale con un ossequioso rispetto del cerimoniale è un modo di esaltare la propria personalità storica e civica insieme. Condividere la stessa passione, partecipare a un momento importante, il riconnettersi con antiche tradizioni secolari legate ai ritmi delle stagioni e alla propiziazione dell’agricoltura e della fertilità, sono tutti aspetti che costruiscono o rinforzano un pezzetto della comunità eporediese che ogni anno, grazie al Carnevale, si riscopre l’unità tra le persone.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy