Carcere di Ivrea, scoperto in cella un telefono cellulare funzionante. E non sarebbe il primo

25/10/2019

CONDIVIDI

Secondo l'Osaap, il sindacato degli agenti di polizia penitenziaria, con gli organici falcidiati, garantire la sicurezza delle carceri non può essere un lavoro miracoloso

In cella i due detenuti di nazionalità romena avevano occultato un micro-telefonino cellulare perfettamente funzionate con il quale potevano ricevere ed effettuare telefonate. E’ successo lo scorso mercoledì, intorno alle 14,30 nel carcere di Ivrea, al primo piano, dove sono detenuti i condannati sottoposti a regime ordinario. A scoprire la presenza del telefono, dotato di una micro sim, sono stati gli agenti della polizia penitenziaria: l’apparecchio era stato accuratamente nascosto all’interno di una scatola di plastica sistemata nel retro del water del bagno di cui usufruiscono i detenuti.

Nell’ultimo anno gli agenti della polizia penitenziaria hanno ritrovato numerosi telefoni cellulari. A diffondere la notizia è stato Leo Beneduci, segretario generale dell’Osapp, l’organizzazione sindacale autonoma penitenziaria. In un nota il dirigente sindacale afferma: “Constatiamo che le carceri, con il ritrovamento di ‘grappoli’ di cellulari, si trasformerebbero, senza l’incessante lavoro di controllo della Polizia Penitenziaria, in luoghi con ‘postazioni telefoniche pubbliche’ illecite, che rappresenterebbero uno smacco alle regole primarie di una sicura detenzione, quella di impedire una comunicazione indiscriminata con l’esterno. Qualcuno risparmi il buonismo derivante dal fatto che l’utenza userebbe il telefonino solo per comunicare con le persone care”.

Va da sé che alla carenza di organico vanno imputate non poche responsabilità. Continua ancora Leo Beneduci: “Con gli organici falcidiati, garantire la sicurezza delle carceri non può essere un lavoro miracoloso della Polizia Penitenziaria, che senza divise e senza mezzi rischia financo di lavorare in borghese nelle sezioni. Lodevole l’intervento dei poliziotti penitenziari che sono intervenuti”.

Leggi anche

10/07/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, venerdì 10, nessun decesso. Sono 9 i pazienti in terapia intensiva

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle ore 16,00 di oggi, venerdì 10 luglio, […]

leggi tutto...

10/07/2020

Dormi tre notti in Piemonte e ne paghi una: arriva il voucher vacanze della Regione. Ecco le Info

 Muove i suoi primi passi la nuova campagna regionale per la ripartenza del turismo in Piemonte: […]

leggi tutto...

10/07/2020

Lorenzo Ardissone, direttore generale dell’Asl T04 lascia l’azienda e va in pensione

Ha chiesto all’assessore regionale Luigi Icardi di poter andare in pensione dato che ha maturato i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy