Canavese, premio dell’Uncem per la migliore tesi di laurea sullo sviluppo delle aree montane

Canavese

/

30/12/2016

CONDIVIDI

Il bando riguarda le attività del progetto per lo studio e la progettazione di Smart Valley e di Green Community, supportato dalle Fondazioni CRT e CRC . L'iniziativa è rivolta ai neo laureati negli Atenei regionali

L’Unione delle comunità Montane vara nuove inziative per rilanciare i territori delle Terre Alte piemontesi e canavesane: l’Uncem Piemonte – nel quadro delle attività del progetto per lo studio e la progettazione di Smart Valley e di Green Community, supportato dalle Fondazioni CRT e CRC – bandisce un premio per le migliori tesi di laurea sui temi collegati allo sviluppo delle aree montane, con particolare riferimento alle declinazioni smart e green a vantaggio dei territori alpini.

Il premio si rivolge a studenti residenti in Piemonte o che abbiano frequentato corsi di laurea presso uno degli Atenei con sede in Piemonte. Gli studenti devono aver discusso la tesi di laurea a conclusione del corso di studi triennale, specialistico o magistrale nel periodo compreso tra il 1° aprile 2016 e il 15 aprile 2017. È finalizzato a premiare l’attività di studio svoltasi per l’elaborazione della tesi e a incoraggiare l’interesse per la ricerca e l’approfondimento dei neo-laureati sui temi relativi allo sviluppo delle aree montane.

Le tesi di laurea candidabili al premio in oggetto devono trattare in prevalenza uno dei seguenti argomenti:
1. Modelli di sviluppo socio-economico dei territori montani
2. Turismo, promozione e marketing delle aree montane
3. Valorizzazione delle produzioni enogastronomiche delle aree montane, settore primario, agricoltura, filiere agroalimentari e gestione dei pascoli
4. Agenda digitale, infrastrutturazione, digital divide e servizi smart nelle aree montane e interne
5. Politiche di coesione, programmi comunitari, fondi e progetti europei per la crescita e il miglioramento dei servizi e delle attività socio-economico nelle aree montane
6. Energia, green economy, risparmio energetico e pianificazione
7. Rivitalizzazione dei borghi alpini e del patrimonio edilizio
8. Servizi pubblici in particolare relativi a scuola, formazione, sanità, socio-assistenza, trasporti e loro declinazione nelle aree interne, anche alla luce della Strategia nazionale Aree interne (Snai)
9. Gestione forestale, promozione delle risorse ambientali, piani di gestione delle risorse, riuso e riciclo di rifiuti e materiali, pagamento dei servizi ecosistemici-ambientali, decarbonizzazione, contrasto al consumo di suolo
10. Economia circolare e industria 4.0 nelle aree montane
11. Gestione dei rischi naturali, assetto del territorio montano, prevenzione del dissesto idrogeologico
12. Ordinamento degli Enti locali, diritto amministrativo e legislazione in materia di pubblica amministrazione e aggregazioni sovracomunali.

“Siamo convinti che dalle idee e dalle proposte di giovani studenti che hanno concluso il loro percorso di studi, possano nascere nuovi assi di sviluppo e rigenerazione dei territori alpini, delle aree interne – evidenzia Lido Riba, presidente Uncem Piemonte – Negli ultimi anni è cresciuto un proficuo rapporto con molti Dipartimenti di Università piemontesi, come è in continua crescita il numero di studenti che dedicano parte del loro impegno e la tesi di laurea a tematiche relative alla montagna. Non possiamo che confermare la necessità dell’Uncem, anche grazie al premio, di far conoscere questi lavori sui territori, tra i nostri Enti locali, tra le comunità che vivono nelle Terre Alte. Fa parte della nostra mission e oggi la rilanciamo con questo premio”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea: un guasto tecnico blocca il servizio di emodinamica. I pazienti costretti a emigrare

Il gruppo di continuità che assicura l’erogazione di energia in caso di interruzione dell’erogazione di energia […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

15/12/2017

San Giorgio: da lunedì 18 la Media ospiterà gli alunni della scuola chiusa per il monossido di carbonio

Da lunedì 18 dicembre gli scolari della scuola elementare di San Giorgio Canavese, potranno tornare a […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: autobotti Smat prelevano dall’acquedotto per dissetare le Terre Alte in preda alla siccità

Il Canavese ha sete e da circa cinque mesi le autobotti della Smat prelevano l’acqua dall’acquedotto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy