Canavese, la procura apre un’inchiesta sugli incendi che hanno devastato le zone montane

Canavese

/

20/01/2016

CONDIVIDI

Aperto un fascicolo unico e si indaga per risalire ai responsabili dei roghi dolosi

La procura di Ivrea vuol vedere chiaro nella lunga serie di incendi che, per oltre tre settimane hanno devastato centinaia di ettari di boschi e di terreno adibito a pascolo nell’Alto Canavese e nella Valchiusella. Le indagini compiute dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato avrebbero evidenziato che gli incendi avrebbero una matrice dolosa. Per questa ragione la procura di Ivrea ha deciso di aprire un unico fascicolo in cui ha racchiuso tutti gli episodi fin qui registrati per scoprire qual è la mano dolosa che avrebbe appiccato le fiamme.

Si ipotizza che, in qualche caso, qualcuno abbia dato fuoco a mucchi di sfalci e che le fiamme, alimentate dal forte vento che, nelle scorse settimane ha spazzato tutto il Canavese, si siano propagate anche alla boscaglia. Finora gl’incendi non hanno coinvolto le abitazioni dei centri urbani . Nel mirino degli inquirenti sono finiti anche gl’incendi che hanno coinvolto durante le feste natalizie nel Ciriacese e nelle vicine Valli di Lanzo. Se i responsabili dovessero essere identificati, rischiano una sanzione pecuniaria che va dai 200 ai 2mila euro e una condanna da quattro a dieci anni di reclusione.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

16/12/2017

“Balocchi in Centro” a Caselle: il 17 dicembre un’intera domenica dedicata allo shopping

Quella del 17 dicembre sarà una domenica interamente dedicata allo shopping: in questo contesto la Libera […]

leggi tutto...

16/12/2017

Poco personale all’Asl To4? L’azienda replica al Nursind: “Effettuate nuove assunzioni”

Non è vero che l’Asl To4 non ha affrontato e non ha intenzione di affrontare l’impellente […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

16/12/2017

Rivarolo Canavese: Fiat Punto sbanda e precipita in un fossato a lato della strada. Ferita una donna

Non sono ancora chiare le cause per le quali una donna avrebbe perso il controllo della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy