Canavese: aveva installato un gps sull’auto dell’ex moglie per seguirla. Arrestato uomo di 37 anni

Canavese

/

10/05/2019

CONDIVIDI

L'ex marito non si era rassegnato alla fine del matrimonio e tempestava l'ex moglie di messaggi o "sbucando" all'improvviso ovunque lei si recasse grazie al dispositivo abusivo. Adesso si trova ai "domiciliari"

Aveva installato abusivamente un Gps provvisto di calamita sul parafango esterno dell’auto dell’ex moglie per monitorare, a sua insaputa, gli spostamenti della donna e a farsi trovare ovunque lei si recasse. Per questa ragione a finire a nei guai è stato un uomo di 37 anni: i carabinieri della stazione di Volpiano lo hanno arrestato e dopo l’udienza di convalida, l’uomo è finito ai “domiciliari”. Il marito della 35enne “spiata” è un disoccupato residente in un comune del Basso Canavese che è accusato di atti persecutori, lesioni e rapina. Ad assisterlo nel procedimento penale sono gli avvocati Manuel Peretti e Viviana Petrozziello.

L’indagine, effettuata dai carabinieri, è stata coordinata dal pubblico ministero di Ivrea Daniele Iavarone ed era scattata dopo la denuncia presentata lo scorso mese di gennaio dall’ex moglie. E’ stato nel corso delle investigazioni che gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto la presenza del Gps. Prima di mettere in atto lo stratagemma l’uomo avrebbe più volte danneggiato e rigato l’auto dell’ex compagna oltre a tempestarla di messaggi. Poi, all’inizio del mese, la donna ha incontrato “casualmente” l’ex marito. E pare che non fosse la prima volta che lui sbucasse all’improvviso.

La donna stava portando a spasso il cagnolino. Alla vista dell’uomo avrebbe cercato di telefonare ai carabinieri ma l’uomo le avrebbe strappato di mano il telefono cellulare ed è salito sull’auto per andare via.

Lei si è aggrappata alla maniglia della portiera, è stata trascinata per alcuni metri e ha dovuto fare ricorso alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso che l’hanno medicata e dimessa con una prognosi di 10 giorni.

In seguito a questo episodio di carabinieri di Volpiano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare spiccata dalla procura eporediese. L’uomo, nel corso dell’interrogatorio di garazia si è avvalso della falcoltà di non rispondere.

 

Leggi anche

20/08/2019

Firmato in Regione l’accordo per incentivare il ritorno degli immigrati nei Paesi d’origine

Vuole dare impulso al rimpatrio volontario assistito il progetto sperimentale contenuto in un accordo firmato il […]

leggi tutto...

20/08/2019

Ceresole, afflusso record di turisti. Il vicesindaco Mauro Durbano: “Merito di tutto il paese”

Ottimi risultati per la stagione turistica a Ceresole. Tantissime le presenze registrate e numerosi gli eventi […]

leggi tutto...

20/08/2019

Canavese: Poste Italiane investe nel decoro urbano e nei servizi destinati ai piccoli comuni

Sei nuovi Atm Postamat installati, 15 barriere architettoniche abbattute, 34 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy