Canavese in corsa per ottenere parte dei 100 milioni destinati alla banda larga

Canavese

/

25/08/2015

CONDIVIDI

La realizzazione della banda larga faciliterebbe non solo le comunicazioni, ma creerebbe per amministrazioni e aziende un'opportunità da non perdere

Cento milioni di euro da investire in servizi e infrastrutture territoriali “spalmati” su due programmi operativi che rientrano nel contesto del Piano nazionale per la banda larga fortemente voluto dal premier Matteo Renzi. Il “Digital Divide” potrebbe costituire una valida occasione per dare impulso al rilancio economico del Canavese. Per questa ragione il rilancio di un territorio, soprattutto se di montagna, passa anche dall’adeguatezza delle infrastrutture tecnologiche di cui dispone.

Di questo è convinto sostenitore il sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto che insieme all’onorevole canavesano Francesca Bonomo del Partito Democratico e ad altri “stakeholder” (ovvero i portatori di interesse,ndr) del territorio, da tempo si sta adoperando per dare voce a queste istanze che hanno l’obiettivo di migliorare la qualità e la sostenibilità del territorio canavesano.

“Abbiamo perso già troppi treni, non possiamo permetterci come territorio di perdere la sfida lanciata da Renzi per ridurre il divario digitale, i tempi sono stretti, non partiamo da zero ma sicuramente abbiamo ampi margini di miglioramento – commenta il sindaco Pezzetto che, recentemente, aveva già preso contatto con il responsabile del dipartimento per l’innovazione tecnologica del ministero della funzione pubblica ed inviato una nota all’Assessore Regionale alle attività produttive De Santis -. Le aree più distanti dalla conurbazione di Torino, rischiano di non essere interessanti per gli operatori privati, se riusciremo a sviluppare una seria progettualità di territorio in tempi brevi e utilizzare le opportunità che spero ci verranno messe a disposizione, potremo ribaltare l’assioma. Avere la banda larga, vuol anche dire poter veicolare la telemedicina, la scuola del futuro e monitorare il territorio per renderlo più sicuro”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è l’onorevole Francesca Bonomo che da alcuni mesi sta raccogliendo insieme ad altri parlamentari le necessarie informazioni sulla copertura territoriale. “Abbiamo un’opportunità per tutto il territorio di dotare finalmente di servizi non soltanto le pubbliche amministrazioni, ma anche le attività produttive, dobbiamo fare squadra e mettere in campo relazioni e competenze di cui possiamo disporre perché solo le azioni coordinate e sinergiche tra istituzioni nazionali, regionali e locali possono dare buoni frutti e perché come territorio dobbiamo fare tutto il possibile per non sprecare quest’occasione” conclude il primo cittadino cuorgnatese. Nei prossimi giorni Francesca Bonomo e Beppe Pezzetto si incontreranno per analizzare quanto già rispettivamente fatto e pianificare le prossime azioni. L’invito di Pezzetto, è quello di fare lobby di territorio: si vedrà se verrà raccolto. Anche l’Uncem pure una propria personale opinione sul delicato tema della connettività che, nelle zone montale, costituisce ancora un problema da risolvere e che frena, in qualche modo, lo sviluppo turistico: “Quello della connettività è un problema che ci vede impegnati da anni. Le Unioni montane hanno questo punto al primo posto dell’agenda. Non è un problema solo tecnico, ma politico. Che pare interessare poco a Telecom e alle società di telefonia mobile”.

Un dato di fatto è incontestabile: poter contare sull’assegnazione di una parte dei 100 milioni di euro per realizzare un’efficiente rete di servizi e connettività, potrebbe aprire per il Canavese scenari assolutamente inediti.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

San Francesco al Campo

/

10/12/2017

San Francesco al Campo: ritrovate vuote le casseforti rubate che contenevano le pistole della polizia locale

Le ricerche dei carabinieri hanno dato i loro frutti: le due casseforti blindate che nei giorni […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

10/12/2017

Castellamonte: le poesie della cuorgnatese Rosanna Frattaruolo aiuteranno i bimbi vittime di violenza

Nella serata di giovedì 7 dicembre presso la sala congressi Pietro Martinetti di Castellamonte, è stata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

10/12/2017

Cuorgnè: la sezione marinai ha commemorato sotto la neve i caduti periti sulle navi da guerra

Anche quest’anno la sezione cittadina dei Marinai di Cuorgnè ha voluto onorare i propri caduti: forse […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy