Ciriacese: tifoso festeggia la vittoria della Juventus rapinando una escort romena. Arrestato

Canavese

/

09/02/2017

CONDIVIDI

L'episodio ha avuto luogo in un comune del Ciriacese. Il supporter aveva sottratto il telefono cellulare alla prostituta

La gioia per la vittoria della sua squadra, la Juventus, è stata così incontenibile che un tifoso bianconero di 36 anni, giunto a Torino dalla lontana Marsala per assistere alla partita di domenica 5 febbraio, dopo essersi recato nell’albergo nel quale alloggiava nei pressi di Ciriè, aveva deciso di festeggiare in compagnia di una escort.

Doveva essere a suo giudizio la degna conclusione di una serata culminata con la vittoria della Juventus sull’Inter. E invece i guai sono iniziati quando la donna, una trentenne di origine romena, ha fatto il suo ingresso nella stanza. Fin da subito è nato un diverbio relativo alla tariffa del taxi che la donna, proveniente da Torino, aveva preso e che il cliente aveva giudicato, forse, troppo esosa. L’escort era stata contattata dall’uomo su internet.

Dal diverbio si è passati alle vie di fatto: il tifoso ha spintonato e ha preso a schiaffi la donna che è stata poi cacciata dalla stanza dopo essere stata costretta a lasciare all’aggressore il telefono cellulare. La giovane romena ha avvertito il 112: nell’albergo sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Venaria che hanno arrestato l’irascibile siciliano con l’accusa di furto e lo hanno condotto al carcere di Ivrea.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy