Canavese: dallo Stato più fondi ai comuni che confinano con le Regioni a statuto speciale

Carema

/

26/12/2018

CONDIVIDI

Approivato un emendamento, frutto dell'azione congiunta della Lega alla Camera e il Senato, che prevede stanziamenti di fondi anche per i comuni che confinano per approssimazione anche se non modo diretto

Torna la possibilità da parte dei Comuni confinanti con le Regioni a Statuto Speciale di ricevere finanziamenti proprio per la caratteristica di essere al confine con Regioni Autonome, quindi più avvantaggiate. Il provvedimento è il risultato dell’azione congiunta della Lega fra la Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica tramite l’onorevole Alessandro Giglio Vigna e il senatore Cesare Pianasso. “Il confine non deve essere per forza percorribile in macchina, come ad esempio nel caso di Carema, il nostro emendamento in Finanziaria prevede che il Comune debba in generale essere confinante con una Regione a statuto speciale, quindi risultano confinanti anche diversi Comuni di Val Soana, Valle Orco e Valchiusella” spiega il deputato canavesano Alessandro Giglio Vigna.

I comuni in questione confinano soprattutto attraverso le montagne con la Valle d’Aosta, precisa il senatore eporediese Cesare Pianasso e per quanto questa sia stata una manovra a carattere espansivo, sono stati effettuati dei tagli rispetto alla versione uscita dalla Camera: ciò non toglie che il due onorevoli canavesani siano soddisfatti del fatto che il governo abbia favorevolmente accolto la proposta. “Infatti nonostante questo ridimensionamento della manovra si è voluto tenere vivo questo emendamento – precisa Cesare Pianasso -. Le Regioni a Statuto Speciale sono da sempre avvantaggiate proprio per via della loro specificità, quindi dare ai Comuni Confinanti questi finanziamenti vuol dire riequilibrare in parte questo svantaggio di chi non ha l’autonomia, specie se parliamo di Comuni Montani”.

Per Andrea Cane, responsabile nazionale degli enti locali per la Lega, il fatto che l’emendamento sia divenuto, dopo l’approvazione della Camera legge dello Stato, dimostra in modo inequivocabile che essere riusciti ad eleggere un deputato e un senatori canavesani legati al territorio, sta producendo positivi risultati. “Ancora una volta abbiamo dimostrato che il gioco di squadra paga, tramite la collaborazione – conclude – fra i parlamentari e gli amministratori del Territorio. Ora la palla passa ai Comuni, i quali dovranno preparare e presentare i progetti per accedere ai finanziamenti”.

Leggi anche

17/01/2020

Banchette: cade nel vuoto dal balcone al terzo piano. Ragazza di 25 anni grave al Cto di Torino

È caduta dal terzo piano ed è ricoverata in gravi condizioni al Cto di Torino. Protagonista […]

leggi tutto...

17/01/2020

Rivarolo, il sindaco Alberto Rostagno ha scelto: Michele Nastro è il quinto assessore in Giunta

Il sindaco di Rivarolo Canavese Alberto Rostagno ha sciolto il nodo gordiano del quinto assessore: l’ex […]

leggi tutto...

17/01/2020

Ivrea: detenuto colpito da legionella è grave in ospedale. Controlli sanitari dell’Asl nel carcere

Ivrea: detenuto 50enne colpito da legionella è grave in ospedale. Controlli sanitari nel carcere. È ricoverato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy