Canavese: controlli a tappeto dei carabinieri di Ivrea. Tre denunce, due segnalazioni e un arresto

Canavese

/

09/11/2015

CONDIVIDI

Ritirata la patente a tre ragazzi risultati positivi all'etilometro. A Ivrea in carcere un marocchino di 39 anni

E’ soltanto attraverso il capillare controllo del territorio che è possibile contrastare eventi criminosi e prevenire le cosiddette “stragi” del sabato sera causate dall’uso smodato di alcol e sostanze stupefacenti. Anche nello scorso fine settimana i carabinieri della Compagnia di Ivrea sono stati impegnati in una massiccia operazione che ha coinvolto, nelle ore notturne, diverse pattuglie.

A concreta dimostrazione che non bisogna mai dare nulla per scontato, nonostante i giovani stiano iniziando ad essere prudenti nel mettersi in viaggio, nella notte tra sabato e domenica i militari hanno denunciato tra Locana e Cuorgnè, tre ragazzi per guida in stato d’ebbrezza. Sottoposti alla prova dell’etilometro sono risultati positivi e con un tasso alcolemico decisamente superiore a quello previsto dalla vigente legislazione. Tutti e tre i giovani automobilisti sono stati denunciati a piede libero alla procura delle Repubblica di Ivrea. Ritirate le patenti.

Due marocchini sono stati invece stati controllati a Cuorgnè da una gazzella dell’Arma. I due uomini si trovavano a bordo di un’utilitaria nelle vicinanze di piazza Martiri della Libertà, in pieno centro storico. Insospettiti, i carabinieri di Cuorgnè hanno perquisito la coppia di marocchini. Uno dei due uomini è stato trovato in possesso di una dose di hashish del peso di 0,9 grammi. Il giovane è stato segnalato alla Prefettura di Torino per uso personale di sostanze stupefacenti.

Un altro episodio similare ha avuto luogo a Strambino: un giovane è stato sorpreso dai carabinieri della locale stazione dell’Arma in possesso di una dose di cocaina. Anche in questo caso si è proceduto ad inviare una segnalazione alla Prefettura.

Peggio è andata a Ivrea a un marocchino di 39 anni, Chentoufi Rachid. I carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Torino, perché l’uomo deve scontare una pena residua di due anni, un mese e quattordici giorni per violenza sessuale, violazione di domicilio e lesioni personali. L’uomo è stato condotto in carcere. L’attività di prevenzione e di controllo del territorio, ogni fine settimana, termina con un bilancio più che positivo.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/06/2018

Al castello di San Giorgio la terza edizione di Expoelette, il Forum dove le donne sono protagoniste

E’ giunta alla terza edizione il Forum Expoelette che sarà nuovamente ospitato nella suggestiva cornice dello […]

leggi tutto...

18/06/2018

Canavese: tranciati in un cantiere i cavi della “fibra” e i servizi sanitari dell’Asl T04 vanno in tilt

Oggi, lunedì 18 giugno, verso le ore 8,00, i lavori di un cantiere della Città di […]

leggi tutto...

18/06/2018

Dramma a Leinì: esce di strada per un malore e finisce con l’auto nel fossato. Muore un 68enne

Il malore, improvviso e inesorabile, lo ha stroncato mentre si trovava alla guida della propria Fiat […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy