“Canavesana” a Trenitalia? Il Pd contro la sindaca Appendino: “A rischio centinaia di posti di lavoro”

Ceres

/

11/04/2019

CONDIVIDI

La deputata canavesana Francesca Bonomo accusa: "La mancata partecipazione di Gtt alla gara per il servizio ferroviario metropolitano è l’ennesima testimonianza dell’inettitudine della Giunta a 5 Stelle che governa la città di Torino"

Sulla mancata partecipazione di consorzio Rail.To costituito dalle società Arriva e Gtt di Torino si innesca, rovente, la polemica politica. La deputata canavesana del Partito Democratico Francesca Bonomo non prede l’occasione per esprimere un giudizio più che negativo nei confrontri dell’’aorato della sindaca “pentastellata” di Torino Chiara Appendino: “La mancata partecipazione di Gtt alla gara per il servizio ferroviario metropolitano di Torino è l’ennesima testimonianza dell’inettitudine della Giunta a 5 Stelle che governa la città”. Parole dure, che pesano come macigni alle quali fanno eco quelle di Daniele Valle, candidato al Consiglio regionale.

“Si tratta di un fatto gravissimo: a rischio ci sono più di trecento posti di lavoro – continuano Bonomo e Valle – e 80 milioni di euro all’anno di introiti che in questo modo rischiano di venire meno. Il consorzio Rail.To, nato dall’alleanza con Arriva, fortemente voluto dalla Giunta Appendino e cancellando gli accordi precedenti con Trenitalia, non ha presentato la propria offerta nonostante l’Agenzia per la Mobilità Piemontese avesse più volte rinviato i termini per la presentazione della documentazione e questo è ancora più grave”.

Le due linee oggi gestite dal Gruppo Torinese Trasporti, ovvero la Torino-Ceres e la Canavesana, passeranno ora, probabilmente a Trenitalia, unica società che ha presentato un’offerta. “L’affidamento della gestione del servizio ferroviario metropolitano per i prossimi quindici anni – sottolineano Bonomo e Valle – avrebbe potuto rappresentare una vera e propria boccata d’ossigeno per l’azienda, visto che si parla di un giro d’affari di 88 milioni di euro annui. Che ne sarà ora di Gtt, fino a qualche anno fa ritenuta una tra le aziende di trasporto pubblico migliori in Italia e adesso sull’orlo del fallimento?”.

E i recenti finanziamenti stanziati dalla Regione e dal precedente governo per elettrificare la tratta ferroviaria canavesana che fine faranno in questo contesto? “Sia la Regione che il precedente Governo hanno stanziato diversi milioni di euro per la messa in sicurezza sia della Sfm1 che della SfmA, senza dimenticare il recente finanziamento di oltre 6 milioni per l’elettrificazione della Rivarolo-Pont e soprattutto i 180 milioni di euro per la realizzazione del collegamento della Torino-Ceres al passante ferroviario sotto corso Grosseto, che dovrebbe vedere la luce entro un paio d’anni. È necessario fare chiarezza”.

Leggi anche

Ivrea

/

25/06/2019

Economia: a Ivrea il Ceo Thomas Miao racconta l’epopea del colosso cinese della telefonia Huawei

Huawei Italia è stata la protagonista del terzo appuntamento nell’ambito dell’iniziativa “Le imprese si raccontano”, un […]

leggi tutto...

Quincinetto

/

25/06/2019

Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

25/06/2019

San Giorgio Canavese: violento schianto tra auto e moto. Due “centauri” di Forno al Cto di Torino

Due motociclisti sono rimasti feriti in un grave incidente stradale che ha avuto luogo, nel pomeriggio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy