“Canavesana”, continua l’odissea quotidiana dei viaggiatori. La Lega: “Situazione inaccettabile”

Rivarolo Canavese

/

15/10/2018

CONDIVIDI

Convogli malandati, tempi di percorrenza biblici. Quando saranno effettuati gl'interventi preannunciati sulla sicurezza? Il parlamentare leghista Cesare Pianasso sollecita il Gtt e Rfi affinché provvedano al più presto a rendere sicura la tratta ferroviaria

Il senatore della Lega Nord Cesare Pianasso interviene sul tema dei disservizi con i quali devono fare i conti quotidianamente i pendolari canavesani che utilizzano la ferrovia Rivarolo-Chieri (SFM1): disservizi quotidiani che hanno imbufalire i tanti utenti, pendolari e studenti, che pagano un servizio che è deficitario, non soltanto per quanto concerne il rispetto degli orari ma per la macanza di spazio che costringe i passeggeri a viaggiare all’impiedi.

“E’ inaccettabile la situazione che si protrae da così tanto tempo: non ci si può impiegare più di un’ora per andare in treno a Torino – commenta il parlamentare canavesano -. Comprendo la rabbia degli utenti della ‘Canavesana’: hanno il diritto di sapere per quanto tempo ancora dovranno sopportare tutti questi ritardi. Regione, Rfi e Gtt devono spiegare che cosa stiano facendo, visto che i fondi per realizzare i lavori sulla linea sono stati stanziati da tempo. E’ giusto pretendere un cronoprogramma preciso sia per i lavori richiesti dall’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria, sia per l’installazione del sistema SCMT sulla linea Settimo-Rivarolo, evitando inutili scaricabarile”.

La Regione Piemonte ha infatti annunciato già a dicembre 2017 lo stanziamento di 11,8 milioni di euro per i lavori di adeguamento della linea SFM1 agli standard di sicurezza richiesti dall’ANSF per consentire il regolare funzionamento senza limitazioni di velocità. Dal canto suo la Regione Piemonte aveva dichiarato che i fondi a disposizione erano sufficienti anche per elettrificare la tratta Rivarolo-Pont, installando anche su questa il sistema SCMT.

La cronistoria parla chiaro: nel mese di marzo 2018 Gtt ha dichiarato di aver sottoscritto il documento per il trasferimento della competenza sulla linea alla Regione. Il 22 giugno, quindi, la Regione ha comunicato di aver inviato ad RFI la bozza della disciplinare della convenzione finalizzata a dare l’avvio ai lavori per l’installazione dell’SCMT.

“Mi chiedo quanto tempo ci voglia ancora perché finisca questo passaggio di carte e l’intervento cominci davvero – conclude il senatore Pianasso -. Nel frattempo Gtt ha il dovere di spiegare cosa intende fare per assolvere alle richieste avanzate dall’ANSF e ripristinare così almeno la velocità di 70 km/h. Che peraltro è solo l’ultimo dei problemi in ordine di tempo, perché già nei mesi precedenti i pendolari avevano subito uno stillicidio continuo di ritardi e disservizi. Sono disponibile ad un incontro con i miei colleghi parlamentari del territorio e i vertici di Regione, Gtt e Rfi, purché si arrivi a definire un calendario preciso di interventi e si definiscano chiaramente le criticità che impediscono l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie da parte dell’ANSF”.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/11/2019

Venaria: tenta di avvelenare il figlio con un mix letale nel biberon. Arrestata donna di 42 anni

È finita in manette la mamma di 42 anni che ha tentato di uccidere il figlio […]

leggi tutto...

19/11/2019

Un inaspettato successo la partecipazione delle “Tre Terre Canavesane” al Fico di Bologna

“Il vostro stand oggi è stato uno delle attrazioni più apprezzate dai visitatori di Fico, vi […]

leggi tutto...

19/11/2019

“Canavesana”: pressing della Regione sul Gtt per bloccare temporaneamente l’aumento del biglietto

Si attende una svolta sulla questione delle tariffe di biglietti e abbonamenti dell’Sfm1, che, nelle intenzioni […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy