Caluso, la Bull licenzia 250 dipendenti ed è sciopero

Caluso

/

23/06/2015

CONDIVIDI

I lavoratori, che ritengono illegittimo il licenziamento collettivo, hanno presentato un esposto alla procura di Ivrea

Scioperano per non perdere il lavoro. Sono i 250 dipendenti dell’ex stabilimento della Sferal che protestano per un licenziamento che ritengono illegittimo.

Accade a Caluso, la rinomata patria dell’Erbaluce e del Passito, ma anche della Bull, il colosso specializzato nella produzione di sistemi informatici. La storia dell’ex Bull è costellata di passaggi di mano societari che l’hanno progressivamente portata al disimpegno sul territorio canavesano.

Era stata la Honeywell a cedere la società alla Bull americana che aveva deciso di produrre le stampanti Compuprint a Leinì. Poi dopo due anni, a fronte di evidenti difficoltà finanziarie, arriva la cassa integrazione. Per due anni le maestranze rimangono a casa, perceoendo meno della metà della retribuzione.

Un problema per chi ha famiglia, spese e un mutuo da pagare. Terminata la cassa, ecco che sono arrivati i licenziamenti per ben 250 dipendenti. Il nodo da sciogliere è il trasferimento dell’azienda in Cina e Romania, una delocalizzazione non prevista negli accordi che la società aveva stipulato con il ministero del lavoro e che è al centro di un esposto presentato alla procura di Ivrea. S

e i licenziamenti dovresso divetare effettivi, l’economia calusiese potrebbe subire un pesantissimo contraccolpo e che va ad aggiungersi a tante altre situazioni drammatiche causate dalla recessione economica che negli ultimi anni martellano senza posa Il Canavese, un tempo fiore all’occhiello dell0industria piemontese e italiana. Ma erano altri tempi. Purtoppo.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

17/10/2018

Ivrea, aveva mostrato i genitali a due ragazze. Ventenne di Aosta condannato a 5 mesi

Aveva mostrato all’aperto, dopo averle seguite, i genitali a due ragazze: per questa ragione un ventenne […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

17/10/2018

Una raccolta fondi on line per far rivivere gli spazi “salesiani” a Cuorgnè e lo Stadio della Canoa a Ivrea

Il Comune di Cuorgnè ha tra gli obiettivi delle politiche giovanili la creazione e la riorganizzazione […]

leggi tutto...

Forno Canavese

/

17/10/2018

In Canavese si differenzia poco. La Città Metropolitana sanziona 28 Comuni per 700mila euro

In Alto Canavese si differenzia troppo poco. E allora scattano le multe. 700 mila euro di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy