Caluso: commercianti e imprenditori truffati dai tributaristi per due milioni di euro

Caluso

/

02/03/2016

CONDIVIDI

Cinque membri dello studio professionale sono stati iscritti nel registro degli indagati per truffa e appropriazione indebita. Le indagini continuano

Due milioni di euro. A tanto ammonterebbe la presunta maxi-truffa che cinque tributaristi che svolgono la loro attività a Caluso, avrebbero messo in atto ai danni dei loro clienti. Tutti e cinque i professionisti sono stati iscritti nel registro degli indagati della procura di Ivrea. Al momento i clienti, vittime della truffa sarebbero in tutto una trentina: tutti professionisti e piccoli imprenditori che risultano non aver effettuato versamenti Iva, contributi Inps e imposte.

L’indagine, condotta dalla procura eporediese è scaturita da una denuncia presentata da un noto ristoratore di Rivarolo che aveva ricevuto una cartella di Equitalia che gli richiedeva il pagamento immediato di 200mila euro per i contributi dei dipendenti non versati nella casse dell’Inps. A lui si sono aggiunti, nei giorni seguenti altri commercianti e imprenditori. Inizialmente si parlava di un ammanco pari a mezzo milione di euro. Adesso sono saliti a due ma potrebbe anche trattarsi di importi superiori.

Ad essere indagati sono anche due collaboratori dello studio di Caluso. L’accusa ipotizzata dal pubblico ministero che coordina le indagini è quello di truffa e appropriazione indebita. Quando i clienti che hanno ricevuto la scorsa estate le salate cartelle esattoriali di Equitalia, i membri dello studio tributaristico sono caduti dalle nuvole sostenendo che loro avevano regolarmente pagato e che probabilmente si trattava di un errore. Altre denunce sono state presentate da commercianti e professionisti di Caluso e Ivrea.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

19/10/2018

Caselle: la Finanza sequestra un milione e mezzo di euro grazie al fiuto del cane “Escos”

Ammonta ad oltre un milione e mezzo di euro la valuta contante non dichiarata intercettata dalla […]

leggi tutto...

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy