Caluso: aveva cercato di adescare sui social una sua ex studentessa. Insegnante condannato a 2 anni

Caluso

/

12/07/2018

CONDIVIDI

Il professore di 55 anni inviava alle 13enne immagini nelle quali era ritratto nudo. Adesso non potrà più mettere piede in un aula

Potenza e pericoli dei social network: insegnante adesca sui social una sua ex studentessa di 13 anni che aveva appena superato l’esame di terza media e viene condannato a 2 anni. L’uomo inviava alla ragazza, attraverso Facebook e WhatSapp, messaggi in cui descriveva con minuzia i suoi rapporti sessuali e immagini fotografiche in cui appariva nudo. L’insana vicenda risale al 2015 a Caluso, nel cuore del Canavese.

L’insegnante di 55 anni, residente a Torino, è stato condannato dal giudice Angela Rizzo del tribunale di Ivrea a 2 anni di reclusione per l’accusa di adescamento di minorenni. L’insegnante di Italiano, difeso dall’avvocato Massimo Campanale, ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato.

L’uomo insegnava presso la scuola media “Gozzano” di Caluso. Nel 2017 era stato sopeso dall’insegnamento e con l’interdizione dai pubblici uffici, non potrà più mettere piede in un’aula scolastica. Le indagini, coordinate dal pubblico ministero torinese Mario Bendoni, avevano preso l’avvio quando i genitori dell’adolescente avevano sporto denuncia ai carabinieri dopo che la ragazza si era confidata con alcune amiche e la famiglia.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

20/07/2018

Cuorgnè-Ivrea: all’Asl T04 un’apparecchiatura laser per gl’interventi chirurgici sulle varici

L’Asl T04 ha acquisito una nuova apparecchiatura laser, in dotazione alla Chirurgia di Ivrea-Cuorgnè. “Le formule […]

leggi tutto...

Cascinette d'Ivrea

/

20/07/2018

Rapina a Cascinette d’Ivrea: ancora una farmacia nel mirino del bandito “solitario”

Ha finto di essere un cliente come tanti e atteso con calma, di essere servito: quando […]

leggi tutto...

Ivrea

/

20/07/2018

Ivrea: il personale del ristorante lavorava in “nero”. 50mila euro di multa al titolare del locale

Quando i finanziari del Gruppo di Ivrea hanno controllato un ristorante cittadino hanno constato che nel […]

leggi tutto...