Caluso, assicurazioni auto falsificate: due arresti e quattro denunce per truffa aggravata

Caluso

/

16/02/2016

CONDIVIDI

I carabinieri, mesi fa, avevano sequestrato 150 polizze Rca non regolari. I contraenti non sospettavano nulla e ad essere frodate erano le società

Il meccanismo della truffa era semplice ma allo stesso tempo ingegnoso messo a punto da un’organizzazione specializzata nelle truffe e nelle frodi assicurative. L’obiettivo era quello di falsificare la documentazione presentata all’atto della stipula delle polizze Rca: in questo modo i clienti riuscivano a ad avere fortissime riduzioni sui premi da pagare. L’accusa è stata notificata dai carabinieri della Compagnia di Chivasso in due ordini di custodia cautelare in carcere a Matteo Cena, 34 anni, residente a Caluso e a Marco Salamon, anch’egli di 34 anni, residente a Viù. Per entrambi il capo di imputazione ipotizzato è quello di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e alla frode.

I carabinieri hanno denunciato a piede libero altre quattro persone. Nell’agenzia assicurativa in cui lavorava Marco Salamon gli uomini dell’Arma avevano eseguito nei mesi scorsi una perquisizione, al termine della quale erano state sequestrate 150 polizze Rc auto che contenevano dati falsificati. In conclusione di una complessa e articolata attività investigativa, a giudizio degl’inquirenti, Matteo Cena, ex agente assicurativo, oltre a modificare gli attestati di rischio, avrebbe falsificato le copie dei documenti da allegare le polizze con residenze diverse da quelle originarie. Un escamotage che consentiva ai clienti ingannati di godere un indiscusso vantaggio economico dal punto di vista assicurativo e all’ex agente di incassare una cospicua e ulteriore provvigione.

Leggi anche

16/10/2018

Cuorgnè: domenica 21 ottobre “Gran Castagnata” e “Passerella Cinofila” in piazza Martiri

Con l’arrivo dell’Autunno tornano in Canavese le tradizionali “Castagnate”: domenica 21 ottobre sarà la volta di […]

leggi tutto...

Canavese

/

16/10/2018

Trapianto di polmoni a cuore fermo al “Maria Vittoria”. Il donatore è un 40enne canavesano

Primato all’ospedale Maria Vittoria di Torino: l’équipe chirugica diretta dal professor Emilpaolo Manno ha eseguito, oggi, […]

leggi tutto...

Chivasso

/

16/10/2018

Chivasso: dopo quattro anni riapre nel 2019 la sede Inps. Il sindaco Castello: “Stop ai disagi”

Nel 2015, la notizia della chiusura della sede Inps di via Demetrio Cosola a Chivasso, fu […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy