Brandizzo, telefona ai carabinieri: “Venite, ho ucciso mio cognato”. Ma era un falso allarme

Brandizzo

/

12/12/2015

CONDIVIDI

I militari hanno rintracciato la presunta vittima che stava benissimo. L'autore della chiamata rischia la denuncia per procurato allarme

La drammatica telefonata era giunta al centralino del 112 nella serata di ieri poco prima delle 20,00. Una voce maschile e concitata aveva affermato: “Ho ucciso mio cognato, venite!” L’allarme è scatta immediato. I carabinieri iniziano le ricerche. Poco dopo la telefonata viene  effettuata decine di volte anche al 112, ai vigili del fuoco e al 118. Gli investigatori hanno iniziato a controllare: la prima telefonata era partita da Brandizzo, le altre da diverse zone di Torino.

Ci sono volute alcune ore per rintracciare e fermare il presunto omicida. L’uomo ha 57 anni ed è conosciuto dalle forze dell’ordine. In poco tempo si è scoperto che non aveva ucciso nessuno. I carabinieri hanno fatto in fretta a verificare: non appena ricevuta la telefonata si sono recati nell’abitazione di Brandizzo che l’uomo al telefono aveva indicato come teatro dell’omicidio. La casa era perfettamente in ordine e non c’era traccia di sangue.

I militari hanno tentato di rintracciato telefonicamente la presunta vittima. Appurato che non era stato commesso nessun delitto, gli uomini dell’Arma si sono messi alla ricerca dell’uomo che aveva effettuato la telefonata e lo hanno ritrovato, dopo alcune ore, in pieno centro a Torino. Non ha spiegato per quale ragione aveva telefonato e adesso rischia la denuncia per procurato allarme.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/07/2018

Colleretto Giacosa: Tobias Haas è il nuovo direttore dell’Istituto di Ricerche biomediche

Tobias Haas è il nuovo Direttore dell’Istituto di Ricerche Biomediche “Antoine Marxer” RBM SpA di Colleretto […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/07/2018

Mondiali di Canoa, i CT stranieri promuovono a pieni voti Ivrea: “Qui l’organizzazione è perfetta”

Nella giornata di oggi, mercoledì 17 luglio, si è conclusa la seconda giornata di gare del […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/07/2018

Operaio morì per la puntura di una vespa. Il titolare dell’azienda condannato a 12 mesi

Condannato a un anno di reclusione perchè uno dei suoi dipendenti è morto a causa della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy