Bosconero, violenta aggressione in villa per 20 euro. Ferito un uomo

Bosconero

/

13/07/2015

CONDIVIDI

Due malviventi si sono introdotti nottetempo in una villetta. L'abbaiare del cane ha svegliato la coppia che vi abita. Ed è partita la caccia all'uomo

Aggrediti in casa per essere rapinati di una ventina di euro. Roberta Brio, 53 anni, abita con Lorenzo Amelli, 54 anni, a Bosconero in via Fornace 14. La scorsa notte la coppia è stata protagonista di un’alluconante rapina in casa. Era notte, quando due malviventi si sono avvicinati alla casa, probabilmente con l’intenzione di compiere un furto.

Il cane dei coniugi ha iniziato ad abbaiare svegliando i coniugi. Secondo una prima ricostruzione effettuata dagli inquirenti, i malviventi avrebbero scavalcato il muro di cinta e si sarebbero introdotti in casa entrando da una porta lasciata semi aperta per far entrare la fresca brezza notturna. L’abbaiare del cane ha svegliato Roberta e il marito Lorenzo che, si sono alzati e hanno scoperto i due balordi in casa. Ne è nata una violenta colluttazione e i due uomini non hanno esitato ad aggredire Roberta e il marito Lorenzo accanendosi contro l’uomo con una ferocia senza pari: uno dei balordi gli ha inferto alcuni colpi sul viso con una torcia metallica e provocandolgli la frattura del naso.

Il ferito è stato ricoverato all’ospedale di Chivasso dove è stato medicato. Le sue condizioni non sono gravi. Roberta nella testimonianza resa ai carabinieri, seppure sotto shock per l’accaduto, ha raccontato che i due rapinatori parlavano con uno spiccato accento slavo ed erano a viso scoperto. Dopo aver ferito il padrone di casa i due balordi hanno afferrato la borsetta di Roberta, contenete 20 euro e una tessera bancomat e sono fuggiti. Ad avvertire le forze dell’ordine sono stati i vicini di casa, richiamati dal trambusto e dalle urla. Sul luogo dell’aggressione sono intervenuti un’ambulanza e i carabinieri della Tenenza di Chivasso.

La dinamica è ancora tutta da chiarire.  Intanto in tutto il Canavese è iniziata la caccia all’uomo e non è detto che gli aggressori non abbiano le ore contate. Intanto la minoranza parte al contrattacco e chiede maggiore sicurezza. L’episodio, dicono i consiglieri di opposizione, non va né trascurato e neanche minimizzato. Bisogna garantire la sicurezza dei cittadini e del territorio.

Dov'è successo?

Leggi anche

26/02/2020

Chivasso, misteriosa morìa di carpe nella roggia che scorre vicino alla discarica. Indagini in corso

Sono decine le carpe morte rinvenute oggi, mercoledì 26 febbraio, nella roggia Campagna di Chivasso, nei […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di Coronavirus a Ciriè, il tampone sul paziente di 63 anni è negativo

Ultim’ora: il tampone effettuato sul paziente di 63 anni che nella serata di ieri si era […]

leggi tutto...

26/02/2020

Caso “sospetto” di coronavirus a Ciriè. Chiuso il pronto soccorso dell’ospedale cittadino

Caso sospetto di coronavirus all’ospedale di Ciriè dove è stato chiuso il pronto soccorso: un uomo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy