Bosconero: gl’incivili deturpano i muri dell’oratorio e i giovani riparano al danno fatto

07/02/2018

CONDIVIDI

I ragazzi avevano girato un video nel quale invitavano i concittadini a rispettare il proprio paese

I graffitari imbrattano i muri dell’oratorio? I ragazzi di Bosconero indossano le tute bianche, si armano di spazzoloni e rulli e cancellano le scritte che deturpano la struttura. Nei giorni precedenti lo scorso Natale i ragazzi avevano realizzato un cortometraggio nel quale invitavano i loro concittadini a rispettare maggiormente il loro paese che è, tra l’altro, un patrimonio collettivo. Per tenere fede all’impegno preso, nei giorni scorsi nell’arco di un pomeriggio, nelle ore libere dagli studi, il gruppo di giovani ha “ripulito” i muri dell’oratorio.

Un esempio che dovrebbe essere imitato anche dagli adulti. I ragazzi, appartenenti a quelle generazioni che spesso vengono descritte in modo gratuito come incivili, stanno dimostrando che spesso i luoghi comuni sono difficili da rimuovere. Per completezza d’informazione va detto che a imbrattare i muri erano stati i coscritti del Duemila nel corso della festa che ha avuto luogo due settimane or sono.

E se se l’impegno dei ragazzi è economiabile, l’incivile comportamento dei coscritti è sicuramente da deprecare.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/09/2018

“Strada Gran Paradiso”: la visita al castello di Valperga conclude le escursioni di fine estate

Ultimo fine settimana di settembre e ultima escursione di fine estate-inizio autunno per Strada Gran Paradiso. […]

leggi tutto...

Volpiano

/

25/09/2018

Volpiano: alla scuola di musica della Filarmonica il nome del presidente dell’Anbima Piero Cerutti

Volpiano ha ricordato Piero Cerutti, il presidente provinciale dell’Anbima, l’associazione nazionale che rappresenta le bande musicali […]

leggi tutto...

San Giusto Canavese

/

25/09/2018

San Giusto, l’appello di “Libera” sulla villa confiscata ad Assisi: “Sia restituita alla collettività”

Ancora un Appello di Libera Piemonte riguardante la villa che era di proprietà del narcotrafficante latitante […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy