Borgiallo: “Venite, mio padre si è barricato in casa e ha un fucile!”. Ma si è trattato di un falso allarme

Borgiallo

/

05/12/2015

CONDIVIDI

La figlia è stata ricoverata all'ospedale di Ivrea in stato di evidente agitazione. I carabinieri indagano sull'accaduto

La telefonata è giunta al centralino del 115 nel pomeriggio. “Venite subito! Mio padre si è barricato in casa armato di un fucile e con il gas aperto”. La voce al telefono era giovane e spaventata. Subito si è messa in moto la macchina dei soccorsi: nell’edificio di Borgiallo si sono immediatamente recati i carabinieri della stazione di Cuorgnè, il personale sanitario della croce rossa di Castellamonte e i vigili del fuoco. E, quando i soccorsi sono entrati in casa, si sono resi conto che si trattava di un falso allarme e che l’uomo stava tranquillamente riposando sul divano ignaro di quanto era accaduto.

A effettuare la telefonata è stata la figlia che invece, si trovava in uno strato di parossismo ritenuto preoccupante. La ragazza è stata immediatamente trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Ivrea. Al momento non ha ancora spiegato per quale ragione ha effettuato la telefonata messo in allarme forze dell’ordine e del soccorso. I carabinieri sono attualmente impegnati negli accertamenti del caso. In ogni caso, per precauzione, hanno preso in consegna il fucile, regolarmente denunciato, detenuto dall’uomo.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2018

Volpiano: tornano in piazza del Municipio le arance della salute” per combattere il cancro

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento nelle piazze con i volontari dell’Airc, l’associazione che finanzia […]

leggi tutto...

17/01/2018

San Maurizio: automobilisti troppo veloci. Velox nelle strade per la sicurezza dei pedoni

Gli automobilisti in disciplinati (e non sono pochi) scambiano le strade per il circuito di Formula […]

leggi tutto...

17/01/2018

Il commosso addio di Rivarolo al dottor Giovanni Provenzano, ex assessore della giunta Gaetano

E’ scomparso nella giornata di oggi, mercoledì 17 gennaio, dopo una lunga lotta con la malattia […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy