Borgaro: non ha ancora un nome il ciclista investito, ieri sera, da un’auto

Borgaro

/

30/03/2016

CONDIVIDI

Gli agenti della polizia stradale stanno cercando di risalire all'identità dell'uomo che si trova in ospedale tra la vita e la morte

Non ha ancora un nome il ciclista che nella serata di ieri, alle 23,00, è stato travolto da un’automobile sulla strada provinciale che collega Borgaro a Venaria. Una Ford Fiesta, alla cui guida si trovava un giovane ha investito, per cause che sono ancora da chiarire, l’uomo che viaggiava in sella alla sua bicicletta. E’ stato l’automobilista a chiamare i soccorsi quando si è reso contro di aver urtato il ciclista. Quando il personale medico si è recato sul posto dell’incidente stradale, si è reso conto che le condizioni di salute dell’investito si presentavano particolarmente gravi. All’arrivo dei soccorsi, il ciclista era già privo di sensi.

Dopo averlo stabilizzato sul luogo dell’ sinistro, i sanitari ne hanno disposto il trasporto urgente all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino dove è stato immediatamente ricoverato e, successivamente trasferito, in prognosi riservata, nel reparto di terapia intensiva in gravissime condizioni. Il ferito non aveva con sé alcun documento che potesse facilitarne il riconoscimento. Gli agenti della polizia stradale di Torino che hanno compiuto i rilevi sono alla ricerca di elementi utili che possano consentire loro di risalire all’identità dell’uomo investito.

Sul collo il paziente ha tatuata la scritta Alex e, accanto, la stilizzazione di un coltello. Gl’investigatori stanno cercando di comprendere come mai il ciclista si trovasse a quell’ora tarda in quella zona deserta da chi si stesse recando. Al momento non è stata presentata nessuna denuncia di scomparsa, nonostante sui social network siano già comparsi appelli. Chi fosse in possesso di informazioni utili per il riconoscimento dell’investito è pregato di contattare il comando della polizia stradale di Torino in via Avogadro.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy