Borgaro e la politica torinese in lutto per l’improvviso decesso dell’ex sindaco Barrea

Borgaro

/

30/12/2018

CONDIVIDI

Alla famiglia dell'amministratore sono giunti numerosissimi attestati di cordoglio e di solidarietà dai vertici del Partito Democratico piemontese, di tanti colleghi amministratori e di cittadini. Anche la sindaca Chiara Appendino e il nuovo segretario del Pd Paolo Furia si uniscono al dolore dei famigliari

L’improvvisa scomparsa avvenuta alle 20,30 di ieri, sabato 29 dicembre, per arresto cardiaco dell’ex sindaco di Borgaro Vincenzo Barrea ha creato non poco sconcerto nel mondo politico piemontese e tra i cittadini. Il malore è stato fulminante: quando il personale medico del 118 è giunto e ha cercato di rinimarlo il cuore dell’ex sindaco aveva smesso di battere definitivamente. Vincenzo Barrea aveva soltanto 52 anni: alla politica si era avvicinato giovanissimo e nel decennio 2014-2014 aveva amministrato per due mandati consecutivi il comune di Borgaro.

Consigliere comunale nella maggioranza che sostiene l’attuale sindaco Claudio Gambino, Barrea era anche consigliere di minoranza, eletto nelle fila del Pd, in seno al Consiglio della Città Metropolitana, l’ente che ha sostituito nele funzioni l’ex provincia di Torino. Laureato nel 1996 al Politecnico di Torino, l’ex sindaco, nato a Banzi in provincia di Potenza era stato anche amministratore delegato della società Seta Spa, l’azienda che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti nei comuni della cintura Nord di Torino. Nei primi anni Novanta aveva anche collaborato con il quotidiano torinese “La Stampa” e il settimanale “Il Risveglio” di Ciriè.

In tanti hanno formulato il loro cordoglio alla famiglia di Vincenzo Barrea: “Con Beppe Marsaglia (ex sindaco di Caselle) e il sottoscritto fu promotore dell’Unione NET, un’esperienza di aggregazione territoriale che fu osteggiata da fuoco amico e nemico – ricorda l’ex sindaco di Settimo Torinese Aldo Corgiat Loia -. Il pensiero delle autonomie organizzate dava fastidio. Poi seguì la stagione della chiusura della Provincia e della riforma autoritaria della Costituzione (per fortuna fallita).
Vincenzo Barrea è stato ostinato interprete e protagonista di un’idea di autonomismo del territorio, che condivido e che costituisce a mio avviso un fondamento della sinistra – conclude Corgiat -. Fu interprete di politiche di area vasta nei servizi, fu per me e Beppe Marsaglia, un Sindaco leale, un amico vicino anche quando la degenerazione della politica, con strane quanto casuali coincidenze ed omonimie, ci sottopose ad accuse ingiuste ed infamanti. Ciao Vincenzo, ci mancherai”.

In una nota il Partito Democratico di Torino esprime il suo cordoglio: “Tutto il Partito Democratico Metropolitano di Torino è sconvolto per l’improvvisa scomparsa del caro Vincenzo Barrea, ex Sindaco di Borgaro Torinese e attuale capogruppo del centrosinistra in Consiglio Metropolitano. Una notizia terribile che ci lascia attoniti, un dramma per tutti noi e tutta la comunità. Siamo vicini ai suoi cari, agli amici e compagni di Borgaro”.

Anche il sindaco della Città Metropolitana Chiara Appendino e il vicesindaco Marco Marocco esprimono il loro sconcerto per l’improvvisa scomparsa dell’esponente politico: “Siamo sconvolti per questa morte prematura, per aver perso un collega amministratore pubblico, un uomo nel pieno degli anni che si dedicava da sempre con passione all’impegno politico”. Anche il neo segretario piemontese del Pd, Paolo Furia, e la vice Monica Canalis, si unisce commosso al dolore della famiglia. Commosso anche il ricorso di Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte: “Con la improvvisa  scomparsa di Vincenzo Barrea viene a mancare a tutti noi un amministratore esperto ed appassionato, un uomo capace di ascoltare i suoi concittadini e tradurre in politica il loro sentire. Ai suoi cari vanno le mie sentite condoglianze. A tutta la comunità di Borgaro il mio profondo cordoglio”.

La famiglia ha deciso che i funerali saranno celebrati alle ore 15,00 nella chiesa parrocchiale di Borgaro con partenza alle 14.30 dall’abitazione di via General Perotti. La famiglia chiede opere di bene e non fiori.

Leggi anche

11/11/2019

Volpiano: una sala dedicata al dottor Enrico Furlini, ex medico e presidente del Consiglio comunale

Domenica 17 novembre alle 10 la sala sotto i portici del Municipio di Volpiano (piazza Vittorio […]

leggi tutto...

11/11/2019

Ivrea, in cento chiedono al sindaco che sia conferita la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre

Una petizione corredata da oltre un centinaio di firme: è quella che è stata inoltrata al […]

leggi tutto...

11/11/2019

Favria commemora i caduti in guerra. E la “penna nera” Giorgio Cortese esalta i Valori Alpini

Anche il Gruppo Alpini di Favria ha partecipato alla commemorazione del 4 novembre, Festa delle Forze […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy