Bollengo: fermato dopo aver rapinato una donna di 70 anni. L’aggressore resta in carcere

04/01/2018

CONDIVIDI

Il Gip del tribunale di Ivrea ha convalidato il fermo dell'uomo, 34 anni, di origine romena, ritenuto l'autore della rapina

Con la convalida del fermo da parte del Gip del tribunale di Ivrea che ha avuto luogo nella mattinata di oggi, giovedì 4 gennaio, Ovidiu Duduc Mihai, romeno di 34 anni, rimane in carcere con l’accusa di avere rapinato, nella notte di San Silvestro, una donna di 70 anni che era rientrata a casa dopo una serata trascorsa con i parenti. L’uomo è accusato anche di sequestro di persona perchè aveva legato la vittima con sciarpe e tende.

La rapina aveva avuto luogo a Bollengo. Il romeno, che aveva il volto coperto, aveva sorpreso la donna e si era impadronito dei gioielli che l’aggredita indossava oltre a 400 euro in contanti. La donna, dopo due ore di sforzi, era riuscita a slegarsi e a chiedere aiuto a vicini di casa che avevano chiamato il 112.

I carabinieri avevano individuato e fermato poco prima dell’alba di Capodanno il rapinatore che stava dirigendosi a piedi verso la propria abitazione. Dopo un’accurata perquisizione i militari avevano ritrovato la refurtiva nelle tasche di Ovidiu Duduc Mihai.

L’uomo è assistito dall’avocato Capone del foro di Ivrea. Continuano gli accertamenti dei carabinieri coordinati dalla procura di Ivrea.

Dov'è successo?

Leggi anche

28/05/2020

Coronavirus, l’ora donata dai dipendenti Nova Coop va a sostegno della Croce Rossa piemontese

Nel mese di aprile i dipendenti di Nova Coop, la cooperativa di consumatori con 64 punti […]

leggi tutto...

28/05/2020

Coronavirus in Piemonte: anche oggi numeri incoraggianti. Un solo decesso e contagi in calo

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che giovedì 28 maggio, i pazienti virologicamente guariti, cioè […]

leggi tutto...

28/05/2020

E’ arrivata in Piemonte “Amnèsia”, la super marijuana che fa perdere la memoria. Ed è allarme

Il variegato mercato delle sostanze stupefacenti non cessa di “sfornare” nuove droghe, sempre più potenti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy