Recuperati a Torino dalla polizia profumi per 21mila euro rubati a Banchette. Arrestati tre ladri

Banchette

/

07/10/2017

CONDIVIDI

Due dei tre dei uomini di origine romena finiti in manette, avevano trasformato un alloggio in un vero e proprio bazar del furto

Le trecento confezioni di profumo che gli agenti della polizia di Stato di Torino hanno ritrovato in un appartamento di Torino, potrebbero costituire il bottino di un furto notturno commesso una decina di giorni fa, da una banda di ladri ai danni di una profumeria di Banchette.

Gl’investigatori sono concretamente convinti che, dopo aver effettuato il “colpo” i malviventi abbiano nascosto il bottino che ammonta a oltre ventimila euro nell’appartamento. La scoperta è stata effettuata nel pomeriggio di sabato 7 ottobre, quando la polizia è intervenuta in seguito a un furto in una profumeria di via Nicola Fabrizi a Torino.

Gli agenti hanno inseguito la Land Rover Discovery sulla quale i ladri sono fuggiti e li hanno bloccati dopo un lungo inseguimento. In manette sono finiti tre uomini di origini romena di 36, 35 e 28 anni. Dopo aver eseguito l’arresto i poliziotti si sono recati nell’abitazione di uno dei tre malviventi dove è stato scoperto l’ingente bottino.

Al termine delle necessarie verifiche, il materiale rubato sarà riconsegnato ai legittimi proprietari.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

22/01/2019

Ivrea: i pusher vendevano droga agli studenti delle scuole. La polizia ha arrestato quattro persone

L’accusa è di spaccio di stupefacenti: nei guai sono finite quattro persone, di età compresa tra […]

leggi tutto...

Pont Canavese

/

22/01/2019

Pont Canavese, appaltati i lavori per eliminare la strettoia sulla “provinciale” 47 della Val Soana

Il consigliere della Città Metropolitana Mauro Fava (Lega) annuncia la prossima apertura di un secondo cantiere […]

leggi tutto...

Caselle

/

22/01/2019

Offriva un lavoro all’aeroporto di Caselle ma era una truffa. Arrestato imbianchino di Ciriè

Avevano risposto all’annuncio di lavoro che prometteva un lavoro all’aeroporto di Caselle, poi avevano dovuto spendere […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy