Bairo-Agliè: Si è spento nella notte il cardinale canavesano Carlo Furno. Il cordoglio della diocesi

Agliè

/

10/12/2015

CONDIVIDI

Nato a Bairo nel 1912, era vissuto per molti anni ad Agliè. Aveva ricoperto incarichi delicati in Medioriente. In Canavese aveva iniziato la carriera ecclesiastica

Era una figura di spicco della chiesa Canavesana. Si è spento ieri, alla veneranda età di 94 anni, il cardinale Carlo Furno. Da tempo era ricoverato in ospedale dopo essere stato vittima di una caduta che gli aveva procurato diversi problemi di salute dai quali non si è più ripreso. Originario di Bairo, dove era nato il 2 dicembre 1921,  ma alladiese di adozione, il porporato ha ricoperto nel corso della sua lunghissima carriera ecclesiastica numerosi e importanti incarichi: Nunzio Apostolio in Italia è anche stato tra l’altro, Gran Maestro dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, arciprete Emerito della Patriarcale Basilica Liberiana di Santa Maggiore. Carlo Furno ha sempre conservato, seppure abbia vissuto molto all’estero, negli angoli più remoti del mondo, il profondo legalmente con la sua terra canavesana e, appena gli era possibile, amava tornare nella sua Agliè.

L’alto prelato è stato in Ecuador e Colombia come addetto alla Nunziatura Apostolica e poi a Gerusalemme in Terra Santa. Nel novembre del 1978 Sua Santità Giovanni Paolo II lo aveva trasferito in qualità di Nunzio Apostolico in Libano, una delle regioni mediorientali maggiormente devastate dalla guerriglia e dallo scontro perpetuo tra palestinesi e israeliani. E, infine, nel 2011 era diventato cittadino onorario di Agliè. Il cardinale Carlo Furno ha sempre svolto, in obbedienza alle disposizioni della Chiesa di Roma, gli incarichi più delicati nelle situazioni più complesse anche dal punto di vista politico.

Con lui scompare un pezzo di storia canavesana e un personaggio di spicco di questa terra che, nei secoli, ha dato i natali a personaggi illustri e che sono rimasti nella storia d’Italia. I funerali saranno celebrati a Roma nella Basilica di Santa Maria Maggiore. La data delle esequie deve ancora essere stabilita. Cordoglio di tutta la diocesi che nel cardinale Carlo Furno ha sempre individuato un importante punto di riferimento.

Dov'è successo?

Leggi anche

Favria

/

15/10/2018

Anche le “Penne Nere” canavesane al primo Raggruppamento Alpini che si è svolto a Vercelli

Tra le migliaia di “penne nere” che hanno partecipato al Primo Raggruppamento Alpini del Piemonte, della […]

leggi tutto...

Ivrea

/

15/10/2018

Ingria, in campo la squadra di calcio a 5 “Bar da Costa”. E il 21 ottobre la gara di corsa montana

Dopo i successi conseguiti nella “Champions League dei Comuni Fioriti”, il Comune della Val Soana si […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

15/10/2018

“Canavesana”, continua l’odissea quotidiana dei viaggiatori. La Lega: “Situazione inaccettabile”

Il senatore della Lega Nord Cesare Pianasso interviene sul tema dei disservizi con i quali devono […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy