Azeglio: finto tecnico Enel truffa un’anziana di 86 anni e fugge con un bottino di ben 12 mila euro

Azeglio

/

11/06/2016

CONDIVIDI

L'uomo ha agito con una professionalità consumata: ha raggirato la vittima ed è fuggito portando con sè monili e gioielli. La donna ha sporto denuncia

Si chiama Alda Borghesio, ha 86 anni e abita ad Azeglio. Nei giorni scorsi un finto tecnico Enel ha messo a segno l’ennesima truffa ai danni di un anziano recando con sé  un bottino di un certo rilievo: ben 12mila euro in oggetti preziosi. La vittima, Alda Borghesio è ancora sotto shock per quanto le è accaduto. I fatti: alle 10,30 di mercoledì scorso la donna stava uscendo di casa per recarsi a ritirare la pensione quando squilla il campanello di casa. Alda Borghesio guarda dallo spioncino: vede un uomo di circa quarant’anni, dall’aspetto distino che indossa una blusa da operaio e porta a tracolla una borsa porta-attrezzi e un rilevatore di tensione.

A porta chiusa l’uomo spiega all’anziana donna che la corrente elettrica è soggetta a variazioni di tensione che potrebbero danneggiare gli elettrodomestici. E’ bastato questo per convincere Alda Borghesio ad aprire la porta. L’uomo si comporta in modo professionale. Visita con diligenza tutte le stanze della casa. Il truffatore ricorre a uno stratagemma: chiede all’anziana di indicagli dove si trova la cassaforte, fonte a suo dire, del problema di interferenza sulla tensione della corrente elettrica. L’anziana risponde di non possedere una cassaforte e che, anzi avrebbe chiamato i vicini di casa.

Il truffatore, a quel punto, si allontana in tutta fretta. La donna si si insospettisce e controlla il portafoglio contenente del denaro. I cento euro custoditi sono spariti. Adesso è tutto chiaro: Alda corre nella stanza dove tiene custoditi in un cassetto monili e gioielli, il ricordo di un’intera vita. Niente. Tutto sparito. Soltanto allora l’anziana si rende conto di essere stata derubata. Telefona alla figlia che gli consiglia di chiamare i carabinieri e, quando questi la raggiungono, sporge denuncia. Dei gioielli, al momento, nessuna traccia.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

24/11/2017

Castellamonte, in biblioteca il laboratorio creativo per trasformare in doni gli oggetti riciclati

E’ dedicato alle imminenti feste natalizie il laboratorio creativo dal titolo “Aspettando il Natale…” per bambini […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

24/11/2017

Liceo linguistico al “Moro” di Rivarolo: è finalmente arrivato l’assenso della Città Metropolitana

L’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Rivarolo Canavese potrà contare dal prossimo anno scolastico, su […]

leggi tutto...

Caselle

/

24/11/2017

La procura ha incaricato il casellese Mauro Esposito di far luce sulla tragedia di piazza San Carlo

Sarà l’architetto casellese Mauro Esposito, l’imprenditore casellese  testimone di giustizia che ha svelato la presenza della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy